Con i semi dei cachi puoi prevedere che tipo d’inverno sarà: scopri l’antica tradizione contadina

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Oggigiorno per prevedere il tempo ci affidiamo alla meteorologia, nell’antichità i contadini del Bel Paese si affidavano ai cachi. Proprio così, e per l’esattezza ai semi del caco, il famoso frutto dal caratteristico color arancione, la cui maturazione avviene tra ottobre e dicembre.

Il metodo tradizionale che permetteva di prevedere il tipo di inverno in arrivo, tramandato per secoli, si basava sulla lettura del seme situato nella polpa. È proprio qui che si possono riconoscere tre diverse forme, la forchetta, il coltello o il cucchiaio, dopo che il seme è stato suddiviso a metà per il lungo.

seme caco

Photo Credit: www.meteocaprinovr.it

Ogni forma, di solito di colore bianco, cela una precisa simbologia che permette di fare le previsioni:

  • la forchetta indica un inverno mite;
  • il coltello indica un freddo pungente;
  • il cucchiaio un inverno con abbondante neve.

I contadini di un tempo utilizzavano spesso questo metodo per prepararsi adeguatamente all’inverno e oggi qualcuno continua a praticarlo per curiosità, sebbene non ci siano prove scientifiche che ne dimostrino la validità.

Se volete testarlo, procedete in questo modo:

  • prendete un cachi e con un coltello rimuovete la parte superiore;
  • prelevate il seme dalla polpa;
  • tagliate il seme in senso verticale;
  • guardate il seme tagliato a metà e individuate la forma a cucchiaio, forchetta o coltello.

Che inverno sarà?

Ti potrebbe interessare anche:

Photo Credit: Twitter

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

ECS

Ripartire in green: come alberghi e strutture ricettive possono rilanciarsi investendo sul turismo verde

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook