Allungare il calendario scolastico e sbloccare i concorsi: il programma di Draghi parte dai ragazzi e dalla scuola

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il mondo dell’istruzione (e i ragazzi) lasciato sinora allo sbaraglio potrebbe vedere un punto di svolta: scuola aperte fino a fine giugno e docenti in cattedra a settembre. Al secondo giro di consultazioni, il premier incaricato Mario Draghi ne discute con i partiti e lascia ben sperare che i nostri piccoli abbiano finalmente chi li ascolta.

Dopo un anno di pandemia, insomma, mesi e mesi passati ad aprire e chiudere scuole, tra didattica a distanza, barzellette sulle sedie a rotelle e interi istituti scolastici che si sono fatti in quattro anche per produrre da soli i propri banchi, istruzione e giovani sembrano essere ora i due principali investimenti produttivi che Draghi vorrà compiere nel futuro più prossimo.

Leggi anche: Reclusi in casa a oltranza da un giorno all’altro. Il trauma dei bambini a cui nessuno pensa

Se in passato abbiamo avuto difficoltà a sentir la parola “bambini” nelle varie sedute istituzionali, adesso la scuola sembra una priorità per Mario Draghi. Ieri ha avuto avvio il secondo giro di consultazioni, in cui il presidente incaricato ha iniziato a esporre il programma per il suo esecutivo alle delegazioni dei gruppi politici che lo hanno incontrato. Secondo quanto detto dai parlamentari usciti via via dalla sala del colloquio, sembra proprio che, tra i punti affrontati, Draghi abbia insistito molto proprio sulla scuola.

Serviranno risorse per ridurre l’abbandono scolastico, per aumentare il numero dei laureati, soprattutto di quelli che scelgono materie scientifiche, avrebbe detto.

Il nuovo calendario e le nuove assunzioni

Nel nuovo programma si darà spazio al recupero dei giorni persi a scuola, per cui sarebbe stata proposta una riorganizzazione del calendario scolastico, in modo che si vada in aula fino al 30 di giugno. In più, sarebbero stati delineati nuovi importanti investimenti sul corpo docenti. Il presidente incaricato si è infatti soffermato a lungo sul fatto che a settembre scorso mancavano 10mila insegnanti a inizio anno: per questo verranno messe in conto nuove assunzioni.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook