Uno scarafaggio con il nome del tuo ex: l’originale vendetta di San Valentino proposta da uno zoo londinese

scarafaggio-san-valentino

San Valentino si avvicina e c’è chi già chi pensa a regali, dolcetti e serate romantiche da organizzare per il proprio partner. Chi però un fidanzato o una fidanzata non ce l’ha (o meglio non ce l’ha più) ha quest’anno un’occasione di vendetta: può chiamare uno scarafaggio con il nome del suo ex.

A proporre l’originale e decisamente antipatica iniziativa è uno zoo vicino Londra, l’Hemsley Conservation Center, che si è fatto molta pubblicità con questa idea pensata per i single più vendicativi.

Il centro ospita insetti di diverso genere tra cui le blatte, che sono diventate famose in seguito ad un post su Facebook in cui si invitano gli utenti a partecipare a “Name A Cockroach (for a friend)“, appunto l’iniziativa che permette a tutti coloro che hanno sete di vendetta di dare il nome del proprio ex ad uno scarafaggio. Questo apparirà stampato sulla sua teca, naturalmente dietro pagamento, per la verità contenuto, si tratta di 1 sterlina e 50.

Un modo originale, dunque, non solo per farsi pubblicità ma anche per raccogliere fondi per i progetti dello zoo che ci scherza su specificando che non si tratta di un’adozione: “del resto chi vorrebbe adottare il proprio ex?

In realtà l’idea non è del tutto originale. Anche altri Zoo permettono di battezzare scarafaggi, ad esempio il Bronx Zoo di New York e lo Zoo Boise di Idaho.

Ma poi davvero ci si può sentire meglio dando al proprio ex il nome di uno scarafaggio?

Anche se non in dolce compagnia, speriamo vivamente che abbiate programmi migliori per San Valentino!

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Germinal Bio

10 idee da mettere dentro il cestino da picnic e accontentare tutti

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Seat

Auto a metano, il self service darà una nuova spinta?

Yves Rocher

Premio Terre de Femmes e l’impegno di Yves Rocher nella tutela dell’ambiente

corsi pagamento

seguici su facebook