Sala minaccia di chiudere i Navigli dopo le immagini dei canali presi d’assalto dalle persone (senza distanziamento)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

“O le cose cambiano oggi, non domani, non è un penultimatum, è un ultimatum, o io domani come al solito sarò qui a Palazzo Marino e prenderò provvedimenti, chiudo i Navigli e chiudo l’asporto”. Dopo le immagini delle persone riversate sui Navigli, il sindaco di Milano Giuseppe Sala, con un video sui propri social, richiama i suoi cittadini al senso di responsabilità.

Milanesi colpevoli di aver preso troppo alla leggera la Fase 2 dell’emergenza coronavirus nella regione più colpita dal Covid-19. Così, il sindaco Sala, alza la voce e tira le orecchie ai cittadini dopo le immagini circolate sui social che mostravano i Navigli troppo affollati.

“Quando c’è da ringraziare i milanesi per il comportamento virtuoso sono il primo a farlo e mi piace anche, però ci sono i momenti in cui c’è da incazzarsi e questo è uno di quei momenti. Le immagini di ieri lungo i Navigli sono vergognose”, ha detto il primo cittadino continuando:

“Ora è anche per me un po’ deprimente dover rispiegare qual è la situazione, ma ve lo ridico: noi siamo non solo in crisi dal punto di vista sanitario, ma siamo in una profondissima crisi socio-economica”- e alzando la voce: “Milano ha bisogno di tornare a lavorare, a lavorare, questo è il punto, non è un vezzo, una voglia riaprire, è una necessità. Ed io sto sempre da parte di quelle famiglie che fanno fatica ad arrivare a fine mese, che vanno a lavorare, non a divertirsi”.

Sala, poi visibilmente irritato continua: “E non permetterò che quattro scalmanati senza mascherina uno vicino all’altro mettano in discussione tutto ciò. Potevamo essere inconsapevoli due o tre mesi fa, e anche io lo sono stato, ma ora no, dopo tutto quello che abbiamo visto”.

E poi l’avvertimento: “Io non sono un politico da metafore, sono un politico da atti. O le cose cambiano oggi, non domani, è un ultimatum, o io domani come al solito sarò qui a Palazzo Marino e prenderò provvedimenti, chiudo i Navigli e chiudo l’asporto e poi lo spiegate voi ai baristi perché il sindaco non gli permette di vendere. Poi io mi prendo le mie responsabilità, ci metto più vigili stasera sui Navigli, ma non è un guardia ladri, non è un gioco, non possiamo permettercelo in una città di 1milione 400mila abitanti”.  Infine Sala chiosa: “Usiamo la testa tutti. Senza testa c’è l’1% dei milanesi e non permetterò che l’1% metta in difficoltà il 99”.

In Lombardia, dall’inizio della pandemia di coronavirus, sono risultate positive 80.089 persone (+689 rispetto a ieri, la provincia più colpita è quella di Milano dove i casi sono passati a 20.893 (+182, la crescita ieri era stata +243).

Queste alcune delle immagini che hanno fatto infuriare il sindaco Sala:

Fonte: Giuseppe Sala/Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook