Il rito della salsa di pomodoro che univa tutta la famiglia e che oggi rischia di andare perduto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ci sono ancora alcune famiglie, soprattutto nel Sud Italia, che portano avanti il cosiddetto rito della salsa. Giornate estive trascorse tutti insieme tra l’odore dei pomodori, i pentoloni, i passini e le bottiglie o i barattoli per realizzare la passata o il sugo, da conservare poi per il resto dell’anno.

Una bellissima tradizione che va avanti da secoli e che accomuna tante regioni d’Italia soprattutto Puglia, Campania, Sicilia, Calabria, Lazio, Toscana e Abruzzo (ma in realtà ogni angolo del nostro paese in cui si coltivano i pomodori) e che coinvolge tutta la famiglia dai più piccoli ai più anziani.

Ognuno, dalla mamma alla zia, dai nonni al papà, dai figli ai nipoti ha il proprio ruolo nella preparazione della salsa di pomodoro: c’è chi lava e taglia i pomodori, chi si occupa della bollitura e chi dell’imbottigliamento. Bisogna poi ovviamente anche lavare e mettere in ordine il tutto.

Un lavoro duro ma gratificante che tradizionalmente iniziava all’alba (o anche prima per chi raccoglieva magari i pomodori direttamente nel proprio orto) e durava diverse giornate.

Ad esempio a Bari, come racconta lo storico locale Gigi De Santis, nel periodo d’oro della passata, le operazioni per realizzarla:

“Duravano qualche giorno ed erano compiute tra la fine di giugno e la metà di settembre, i mesi in cui venivano messi in vendita i pomodori coltivati nei dintorni. Gli uomini si adoperavano nello scegliere quelli migliori dal contadino di fiducia, oppure li acquistavano all’ingrosso ai mercati generali di via Francesco Ammiraglio Caracciolo, di fronte alle ex acciaierie Scianatico”

Ogni luogo ha le sue tradizioni e i suoi modi e procedimenti per realizzare la salsa, chiamata anche differentemente a seconda di dove viene preparata.

Chi aveva una casa grande attrezzava tutto il necessario tra cucina e giardino ma spesso in passato si faceva tutto all’aperto utilizzando spazi, cortili e piazzette dei paesi dove venivano allestiti fornelli e pentoloni per la bollitura. Un modo non solo per assicurarsi la preziosa salsa per tutto l’anno  ma anche per mantenere viva la socialità in famiglia e tra vicini.

Oggi il rito continua, spesso con l’aiuto di sistemi più moderni, e c’è anche chi fa la passata in grosse quantità con l’aiuto di qualche elettrodomestico.

 

Un vero e proprio appuntamento fisso che ogni anno (soprattutto ad agosto) si ha con il pomodoro e che qualcuno attende con ansia come fosse un giorno di festa e altri invece come fosse un dovere, una missione, sia pur faticosa, da compiere in famiglia.

Un rito estivo che però rischia di scomparire, un po’ perché le famiglie tendono ad essere meno “unite” rispetto al passato (magari alcuni componenti si sono anche trasferiti altrove per motivi di studio o lavoro) un po’ perché le passate e i sughi confezionati che si acquistano al supermercato, anche se decisamente meno buoni e genuini, sono comodi ed economici da acquistare.

Chi può, invece, dovrebbe custodire gelosamente questa tradizione e tramandarla ai propri figli come un prezioso momento famigliare fatto di profumi, sapori e ricordi che rimarranno negli anni a venire.

Se non avete mai preparato la salsa di pomodoro in casa potete cominciare subito seguendo i consigli forniti nel seguente articolo:

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook