La Finlandia introduce il reddito minimo di base: 560 euro al mese

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Finlandia ha introdotto in fase sperimentale il reddito minimo di base contro la disoccupazione. Il reddito minimo garantito è pari a 560 euro al mese.

In Italia e nel mondo esistono diversi pareri sull’utilità del reddito di cittadinanza. Dato che il più delle volte si tratta di semplici teorie ora la Finlandia ha deciso di passare alla pratica con una fase sperimentale.

L’idea è di mettere a disposizione dei cittadini una somma che sia loro d’aiuto quando si trovano senza lavoro. La fase sperimentale in Finlandia a partire da questo mese coinvolge 2000 cittadini disoccupati che riceveranno 560 euro al mese.

Se i cittadini coinvolti nel frattempo troveranno un lavoro continueranno comunque a ricevere mensilmente la somma stabilita fino al termine del programma e anche se l’iniziativa verrà estesa a livello nazionale.

Il tasso di disoccupazione in Finlandia è pari a circa l’8%, con 213 mila persone senza lavoro su un totale di 5,5 milioni di abitanti.

Il Governo finlandese monitorerà la situazione di chi riceve il denaro per comprendere se averlo a disposizione li dissuaderà dall’impegnarsi nella ricerca di un posto di lavoro.

Leggi anche: LA FINLANDIA SI PREPARA A SPERIMENTARE IL REDDITO DI CITTADINANZA

Ad esempio, ci si chiede se questi primi beneficiari tenderanno ad impigrirsi o se, al contrario, coglieranno questa occasione per sperimentare opportunità di lavoro diverse dal solito. Ad esempio, potrebbero decidere di dedicarsi ad un lavoro creativo sapendo di avere comunque un supporto economico su cui contare.

Pensando ad altri lati positivi, ricevere una somma mensile fissa dal Governo permetterebbe alle famiglie di crescere i propri figli con più tranquillità, di avere più tempo da trascorrere con loro e anche di avere la possibilità di seguire dei corsi di formazione interessanti.

Leggi anche: ADDIO NUMERI E LETTERE: I BAMBINI IMPARANO ‘SOLO’ A GIOCARE E A ESSERE FELICI IN FINLANDIA

Chi critica questo sistema pensa però al rovescio della medaglia: alcune persone infatti potrebbero decidere di spendere il denaro ricevuto dal Governo per acquistare droga e alcolici o potrebbero pensare di smettere di lavorare per pigrizia.

In attesa di sapere come andrà la sperimentazione in Finlandia, vi siete fatti un’idea sull’impatto che il reddito di cittadinanza potrebbe avere in Italia?

Marta Albè

Photo Credit

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook