Pupazzi di neve venduti ai turisti in Cina, l’arte di ingegnarsi (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In principio c’erano i lavavetri. Quante volte vi è capitato di fermarvi al semaforo e di dover insistere per evitare la pulizia del vetro del cruscotto? Probabilmente non eravate disposti a pagare per un servizio ritenuto inutile in quel momento, Ma se vi avessero proposto di realizzare un bellissimo pupazzo di neve sul tettuccio dell’auto? Avreste accettato?

In tempi di crisi, si sa, bisogna ingegnarsi per “campare”. Così, a Chengdu, nella provincia del Sichuan della Cina sud-occidentale, gli ambulanti hanno iniziato a vendere pupazzi di neve, con tanto di nasi e occhi, da applicare sul tetto dell’auto dei turisti in visita in città.

Secondo alcune fonti, avrebbero venduto oltre 100 pupazzi di neve prima di mezzogiorno in un solo giorno. I prezzi vanno da 20 a 30 yuan e ogni pupazzo di neve viene fornito con accessori di foglie o indumenti.

pupazzi auto2

pupazzi auto3

Alcuni credono che i pupazzi di neve siano stati venduti solo ai turisti per segnalare ai borseggiatori chi rapinare. Non siamo sicuri di quanto ci sia di vero in questa storia, ma a noi piace pensare che si tratti del classico caso in cui la fantasia, che non ha limite, viene premiata, anche quando si tratta di vendere “il niente”.

Come nel caso dello studente francese Antoine Deblay, che, sfruttando il crowdfunding, ha iniziato a vendere l’aria della sua cittadina, ‘Air de Montcuq’, a 5.5 euro per ogni barattolo da 250 ml. Tutto è iniziato quando Antoine, 22 anni, ha postato il suo progetto sul sito di crowdfunding francese kisskissbankbank.com, dove, a sorpresa, ha raccolto più di 800 euro in poche settimane. Gli ordini per i barattoli sono decollati, con un margine di profitto del 60% circa e migliaia di euro di guadagni. Voi la comprereste?

Roberta Ragni

Foto Credit

LEGGI anche:

Lo studente francese che vende barattoli d’aria: come guadagnare con crowdfunding e web marketing

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook