Le vite spezzate delle ragazze nigeriane: schiave moderne sotto le nostre case

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Corpi seminudi agli angoli delle strade, donne vittime della tratta, donne schiave costrette a vendere se stesse. Alla maggior parte delle ragazze che arrivano in Italia dalla Nigeria, tocca questa amara sorte.

Secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni a giugno 2015 sono approdate nel nostro Paese quasi 5mila donne nigeriane, un numero di quattro volte superiore rispetto a quello del 2014. E per la metà di loro Italia ha fatto rima con prostituzione e sfruttamento.

Vittime della povertà e ingannate da promesse di benessere, le donne nigeriane si ritrovano per strada a vivere una vita ancora peggiore di quella che hanno lasciato. Ingenuità, vulnerabilità, disperazione giocano un ruolo fondamentale sullo stato emotivo. Diventano clandestine senza identità.

prostitute3

Giornate fatte di prigionia, di minacce, di ricatti, di violenze, di riti voodoo e ancora di paura e umiliazione. Donne che diventano oggetti in un mercato, quello dello sfruttamento sessuale, che secondo le Nazioni Unite è la terza attività più redditizia al mondo, dopo armi e droga.

Ma il traffico nigeriano non è un fenomeno recente, già negli anni Ottanta esisteva una fitta rete di attività illegali, col tempo la tecnica si è raffinata, l’industria delle vittime sessuali ha creato un proprio sistema con tanto di regole e ruoli ben definiti e da rispettare.

Una scala gerarchica che vede nel gradino più basso le maman, ex prostitute che gestiscono le ragazze nigeriane appena arrivate in Italia col sogno di trovare un lavoro onesto o di poter studiare. Le maman le “addestrano”, le mettono in strada, gli “insegnano la vita” e gestiscono i pagamenti.

prostitute1

Le neo prostitute arrivano già con un debito altissimo nei confronti di quelli che si riveleranno i loro aguzzini, cifre esorbitanti che toccano anche i 50mila euro. Ma i loro corpi sono alla mercè per appena 20/30 euro a cliente.

LEGGI anche: KANDAPARA: IL BORDELLO BENGALESE DELLE PROSTITUTE BAMBINE (FOTO)

Nel secondo gradino, troviamo chi si occupa di far arrivare le ragazze nelle principali città italiane. Il traffico inizia a Benin City a Lagos e si espande in Europa passando da Parigi, Amsterdam e Madrid fino a Torino, Palermo, Roma e Napoli. Da qui inizia poi lo ‘smistamento’.

12 year old prostitute crying

Ma la mafia nigeriana ha un gradino ancora più alto. Finora abbiamo parlato solo delle pedine, ma chi è a capo di tutto? I trafficanti di esseri umani che vivono e lavorano in Nigeria intrattenendo legami di corruzione con governi e ambasciate. Un’organizzazione che niente ha da invidiare a quelle di stampo mafioso, che riesce a gestire il mercato del falso tra documenti e visti oltre che quello della prostituzione minorile.

prostitute2

Il reclutamento delle giovanissime inizia in villaggi dove degrado e povertà succhiano ogni linfa vitale. Le promesse sono tante e il crederci non costa nulla. Quando si è disperati, qualsiasi cosa sembra migliore. Iniziano così viaggi impossibili: il deserto del Sahara e poi la lunga rotta del Mediterraneo.

A Benin City la maggior parte della popolazione vive con meno di due dollari al giorno, le famiglie sono costrette a vendere i figli e le ragazze a vendere se stesse per assicurare la sopravvivenza ai propri cari. Il sogno europeo è il loro miraggio. Un sogno che si trasforma in un incubo.

Sono poche quelle che riescono a fuggire dalla strada, le ragazze nigeriane sono sottoposte perfino a riti voodoo per farle prostituire. La Guardia di finanza, nei giorni scorsi, ha smantellato un’organizzazione di trafficanti di donne e uomini che agivano tra Palermo e Reggio Calabria, grazie a una ventiseienne che ha avuto il coraggio di denunciare i propri aguzzini.

Era arrivata nel Sud Italia con la speranza di fare la tata e con un debito di 30mila euro, era stata rinchiusa con altre ragazze e sottoposta a riti assurdi tra cui quelli voodoo per renderla docile e obbediente.

prostitute

Riti che iniziano già in Africa quando il capo villaggio ‘benedice’ la partenza delle donne mescolando in un sacchetto di polveri magiche, peli pubici, unghie e un assorbente sporco di sangue. Secondo usanze africane, lo stregone ha così in mano il destino delle ragazze.Troppa la paura di ribellarsi, di vedere morire i propri cari.

29fd7b7400000578 3140330 image a 41 1435318329474

Un destino beffardo e per molte senza via d’uscita che le priva della propria dignità e della speranza di un futuro migliore.

Dominella Trunfio

Foto: Elena Perlino/Rex Feautured

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook