Nobel per la pace contro lo stupro nei teatri di guerra: vincono Nadia Murad e Denis Mukwege

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sono due i percorsi di attivismo contro lʼuso della violenza sessuale come arma di guerra che vengono premiati dall’Accademia di Stoccolma

Basta stupro come arma di guerra! Ricevono congiuntamente il Nobel per la Pace 2018 il congolose Mukwege e la yazida Murad, l’uno ginecologo, l’altra attivista, entrambi convinti sostenitori della lotta contro lʼuso della violenza sessuale come arma di guerra.

Tutti e due hanno messo a rischio la loro sicurezza personale combattendo coraggiosamente i crimini di guerra e garantendo giustizia alle vittime. È per questo che il Nobel per la Pace di quest’anno è un premio a tutte le donne, alla loro resistenza, al loro dolore nelle violenze che troppo spesso sono inflitte dall’uomo.

Lui, il ginecoloco congolese Denis Mukwege, da vent’anni è impegnato nel recupero delle donne vittime di stupro; lei, Nadia Murad, è una venticinquenne irachena yazida che è stata rapita nel 2014 da alcuni militanti dell’Isis e tenuta come schiava sessuale per tre mesi prima di riuscire a fuggire.

Mukwege e il suo staff hanno curato migliaia di vittime”, spiegano dall’Accademia svedese nelle motivazioni del Nobel. Il ginecologo “ha ripetutamente condannato l’impunità per gli stupri di massa e ha criticato il governo congolese e quelli di altri Paesi per non aver fatto abbastanza per fermare l’uso della violenza sessuale contro le donne come arma di guerra”.

Nadia Murad è stata invece “vittima e testimone degli abusi e ha dimostrato un coraggio raro nel raccontare le proprie sofferenze e parlare a nome di altre vittime”.

Questo premio congiunto arriva dieci anni dopo che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato la Risoluzione 1820 nel 2008, stabilendo che l’uso della violenza sessuale come arma di guerra e conflitto armato costituisce sia un crimine di guerra che una minaccia alla pace e alla sicurezza internazionali.

nobel pace

In un anno in cui le donne sono riuscite a catalizzare un’attenzione globale col movimento MeToo su una vera epidemia di abusi sessuali a casa e sul posto di lavoro, il premio ha messo in luce due regioni del mondo in cui le donne hanno pagato un prezzo devastante per anni di conflitto armato.

La lotta è ancora lunga e i riconoscimenti di oggi sono una goccia in un oceano ancora immenso, ma almeno l’umanità intera comincia a prendere coscienza di tante aberrazioni.

Germana Carillo

Credit cover: Ill. Niklas Elmehed. © Nobel Media

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook