Cariche della polizia e lacrimogeni contro le donne turche in marcia per i diritti e l’abolizione dei matrimoni precoci

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gas lacrimogeni e cariche contro un corteo femminista. Succede a Istiklal nel centro di Istanbul dove, la polizia anti-sommossa, ha impedito ai manifestanti di rivendicare diritti fondamentali nella Giornata internazionale delle donne.

Era già successo negli anni scorsi: l’8 marzo in Turchia fa rima con repressione. Accade perché, a Istilklal un tempo luogo simbolo di cortei e manifestazioni pacifiste, è ormai impossibile avere accesso, c’è un divieto del governo turco contro i raduni di qualsiasi natura. Una situazione che non piace agli attivisti. Più di 5mila attivisti (uomini e donne) hanno infranto il divieto e la situazione è degenerata.

Domenica, la polizia aveva circondato tutto il viale pedonale e piazza Taksim con recinzioni metalliche. Ma gli attivisti hanno sfondato le recinzioni e marciato verso l’istituto di cultura, un’area proibita. A tutto ciò, la polizia anti-sommossa ha risposto con gas lacrimogeni e cariche per tutta la permanenza all’interno dell’area off limits. Gli attivisti erano scesi in piazza per chiedere maggiori diritti e tutele per le donne.

marcia turchia

©Sedat Suna/Efe

marcia turchia

©Sedat Suna/Efe

Tra gli slogan, “Lotta femminista contro il patriarcato”, ma anche messaggi contro i matrimoni precoci e le spose bambine, contro l’obbligo di prendersi cura di marito, casa e figli e solidarietà per le donne immigrate.

Momenti di tensione che sono poi sfociati con l’arresto di 34 partecipanti alla marcia, un numero molto elevato per quella che doveva essere una marcia per la rivendicazione dei diritti. Nessun incidente, invece, per gli altri due cortei femministi autorizzati dal ministero degli Interni turco. Da tempo, il governo ha comunque chiarito che continuerà a non consentire l’accesso degli attivisti a Istiklal Street o Taksim, una piazza emblematica per la sinistra turca, che dal 2013 è stata chiusa a qualsiasi marcia di protesta. Ma il divieto non ha scoraggiato le attiviste che hanno marciato gridando: “La strada è nostra” e “Non abbandoneremo mai la strada agli uomini”.

Fonti: El periodico/La vanguardia

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook