5 gennaio, nasce Peppino Impastato (e muore Giuseppe Fava per mano della mafia)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il 5 gennaio di 73 anni fa nasceva a Cinisi Peppino Impastato, assassinato a soli 30 anni con una carica di tritolo posta sotto il corpo adagiato sui binari della ferrovia. Un delitto di matrice mafiosa, avvenuto durante la campagna elettorale. Impastato si era candidato nella lista di Democrazia Proletaria alle elezioni comunali, dopo aver trascorso una vita a cercare di combattere la mafia.

Oggi, nel giorno del suo compleanno, diverse associazioni tra cui Casa memoria Felicia e Peppino Impastato, associazione Peppino Impastato, Centro Impastato – No mafia Memorial e Radio 100 Passi hanno organizzato un incontro online in diretta Facebook.

“Peppino Impastato quest’anno avrebbe compiuto 73 anni se la sua vita e la sua attività di lotta alla mafia, impegno culturale, sociale e politico non fossero state dolorosamente interrotte dalla violenza della mafia. Il suo messaggio continua a vivere grazie a chi ne ha raccolto il testimone: sua madre Felicia, i familiari, i compagni/e di Peppino, il Centro Impastato, gli attivisti e attiviste”, scrivono gli organizzatori dell’evento.

Insieme a Peppino sarà ricordato anche un altro esempio di coraggio e di onestà intellettuale, ucciso il 5 gennaio 1984, sempre per mano della mafia. Si tratta di Giuseppe Fava, scrittore, giornalista, sceneggiatore e fondatore de I Siciliani, secondo giornale antimafia in Sicilia.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
ABenergie

Come scegliere e valutare il tuo gestore di energia luce e gas. Scarica la guida

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook