Da oggi riaprono i parrucchieri in Germania: i clienti dovranno portare spazzola, pettine e phon da casa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Spazzola, pettine e asciugacapelli da casa e anche un questionario da compilare. Dopo 6 settimane, i parrucchieri tedeschi riaprono i battenti: qui non solo andranno rispettate le misure di distanziamento sociale, ma dovranno essere messe in conto anche altre norme per evitare che il coronavirus dilaghi nuovamente. Vediamo quali.

I saloni di parrucchieri saranno soggetti in pratica, come molti altri luoghi in cui graviteranno più persone, a rigide restrizioni: i tagli sarranno programmabili solo su appuntamento, sarà obbligatorio lavare i capelli prima di ogni trattamento e non saranno ammesse riviste nell’area di attesa.

In più è previsto molto altro ma, almeno in questo modo, si comincia a respirare un po’ di normalità.

Le precauzioni che adotteranno i parrucchieri tedeschi:

  • coloro che hanno il raffreddore o hanno la febbre dovranno necessariamente rinviare la visita dal parrucchiere
  • è necessario portare con sé da casa accessori come una spazzola, un pettine e un asciugacapelli
  • sia clienti che personale dovranno indossare la mascherina. I parrucchieri, inoltre, devono indossare grembiuli monouso e disinfettare le forbici e i pennelli tra i tagli (come d’altronde dovrebbe sempre accadere…)
  • dal parrucchiere si va necessariamente da soli. Sono ammessi accompagnatori solo se necessario per cure o assistenza. “Dovrebbero esserci meno persone possibili nel salone“, spiega a Öko Test l’associazione professionale per il servizio sanitario e l’assistenza sociale tedsco (BGW)
  • i bambini possono essere portati nei saloni solo se devono tagliare i capelli
  • non è attualmente consentito tagliare i capelli asciutti. Poiché il coronavirus si può trovare anche in testa, i capelli vanno lavati prima e ciò vale anche per la colorazione dei capelli
  • attualmente sono vietati anche trattamenti cosmetici come trucco, colorazione delle ciglia o delle sopracciglia, rasatura e cura della barba, per la distanza di sicurezza non garantita
  • i parrucchieri non potranno offrire bevande e riviste

Infine, prima di poter andare dal parrucchiere, ogni cliente dovrà fornire i propri dati di contatto, ovvero indirizzo, numero di telefono e indirizzo e-mail. In questo modo se si verifica un focolaio di malattia, quei dati potranno essere utilizzati per “tracciare la catena di infezione senza soluzione di continuità e per informare rapidamente le persone colpite“.

Si grida alla tutela della privacy? Non ci pare, ma in qualche modo così, e seppur con tutti i limiti, la Germania inizia a uscire dalla sua paralisi economica.

Fonte: Öko Test

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook