Asianet-Pakistan/Shutterstock

Il Pakistan approva la castrazione chimica per gli stupratori

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Pakistan ha introdotto nuove leggi che prevedono la castrazione chimica per gli stupratori. Il primo ministro Imran Khan e il suo governo avevano approvato il provvedimento il mese scorso e ora il presidente Arif Alvi lo ha firmato. Si tratta di una norma che arriva in seguito alle forti proteste pubbliche contro la violenza sessuale nel paese.

La castrazione chimica comporta l’uso di farmaci per ridurre il testosterone ed è utilizzata per i pedofili in Paesi come l’Indonesia dal 2016 e la Polonia. Fa parte di una serie di misure che saranno introdotte in Pakistan per contrastare gli abusi sessuali, compresa la creazione di un registro nazionale dei criminali sessuali e la protezione delle identità delle vittime.

Segue il clamore e le proteste scoppiati in tutto il paese in seguito allo stupro di gruppo di una donna, davanti ai suoi figli, fuori dalla città di Lahore a settembre.

Due aggressori l’avevano tirato fuori dalla sua auto che si era fermata per mancanza di benzina di notte su un’autostrada deserta, nella provincia orientale del Punjab, e l’hanno violentata in gruppo, mentre i figli terrorizzati la guardavano. Entrambi gli uomini sono stati successivamente arrestati.

Aveva chiamato l’assistenza, ma è aggredita prima di poter essere soccorsa. Le proteste sono scoppiate dopo che le autorità avevano suggerito che la colpa fosse proprio della donna, che avrebbe dovuto viaggiare su una strada più trafficata e controllare la sua benzina prima di partire.

In Pakistan, dove gli stupri sono sempre più in aumento, ogni anno quasi 1.000 donne vengono uccise nei cosiddetti “delitti d’onore” per presunta violazione delle norme conservatrici sull’amore e il matrimonio.

Fonti: Anadolu Agency

Leggi anche: Gli stupratori saranno castrati e chi violenterà un bambino dovrà affrontare la pena di morte, secondo le nuove leggi dello stato nigeriano

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook