Le nuove monete da 5 euro con cannolo e passito sono un omaggio alla Sicilia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un cannolo alla ricotta e un bicchiere di vino passito: sono questi i due simboli scelti dalla Zecca di Stato per omaggiare la Sicilia e il suo straordinario patrimonio enogastronomico.  Le eccellenze sicule, amate in tutto il mondo, sono state impresse nelle monete da cinque euro che fanno parte della nuova collezione numismatica 2021. Sull’altro lato della moneta, invece, è stato raffigurato anche il Tempio della Concordia che sorge nella suggestiva Valle dei Templi di Agrigento.

La ricca collezione di quest’anno include 15 soggetti ispirati alla storia, alla scienza, all’arte, al mondo dello sport, alla natura e alla tradizione culinaria del Bel Paese. La Zecca di Stato ha coniato anche una moneta da 2 euro dedicata al personale sanitario impegnato nella lotta al Covid-19. Nella speciale moneta sono stati raffigurati un uomo e una donna con camice, mascherina e altri strumenti del mestiere, accompagnati da una scritta “Grazie”.

Le tematiche scelte per questa edizione “vogliono rappresentare un sentimento di unione e coesione nazionale che trova espressione nella celebrazione di personaggi, avvenimenti storici e artisti simbolo della nostra tradizione e della nostra cultura imprenditoriale, ma anche nella gratitudine nei confronti di chi, nell’ultimo anno segnato dalla pandemia da Covid-19, ha messo senza riserve la propria professionalità al servizio della collettività”.

Nella nuove collezione numismatica è presente anche un tributo all’Emilia-Romagna, nelle monete da 5 euro su cui sono stati impressi i tortellini e un bicchiere di Lambrusco. 

“Le monete dedicate alla Sicilia e all’Emilia-Romagna – ha dichiarato l’ex Ministro per le Politiche Agricole Pecoraro Scanio durante la presentazione della collezione – sono un tributo a due regioni ricche di storia e cultura, ma anche di una tradizione agroalimentare eccezionale. Gli agricoltori che realizzano prodotti di grande qualità e tutti gli artigiani che li trasformano in eccellenze enogastronomiche meritano il plauso e l’amore di tutto il Paese”.

Il tributo allo straordinario patrimonio enogastronomico siciliano

Per quanto riguarda l’omaggio alla Sicilia, si è scelta l’accoppiata vincente composta dal celebre dolce alla ricotta e il passito. Secondo gli storici, il cannolo è stato menzionato addirittura da Cicerone, che durante un viaggio nell’isola nel 70 a.C. fu letteralmente conquistato da un “Tubus farinarius dulcissimo edulio ex lacte fartus”, ovvero un tubo di farina ripieno di morbida crema di latte.

cannoli-siciliani

@FPWing/Shutterstock

Altra specialità enogastronomica molto apprezzata anche all’estero è il vino passito, ottenuto da uve sottoposte a procedimenti di disidratazione. Il vino liquoroso più noto d’Italia è sicuramento il Passito di Pantelleria DOC, prodotto dalle uve Zibibbo, nome che deriva dalla parola araba zabīb che significa “uva secca”.

Le monete che celebrano l’Isola, insieme alle altre della collezione, potranno essere acquistate a partire dal 26 gennaio tramite il sito della Zecca di Stato, oltre che nei punti vendita del Poligrafico e Zecca dello Stato.

E tra qualche tempo potrebbero anche valere di più…

Fonte: Ansa/Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook