©GregMontani/Pixabay

Controllate le monete da 1 centesimo: alcune possono valere più di 6000 euro!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Se sulle vostre monete da 1 centesimo c’è la Mole Antonelliana potreste diventare ricchi: questi rari centesimi sono in circolazione con un errore di conio e possono davvero valere una fortuna. Sono circa 100 in tutto quelle ancora in giro e sono alcune sono state vendute a prezzi da capogiro.

Come riporta il sito specializzato moneterare.net, tra i centesimi di euro ci sono alcuni esemplari che potrebbero essere particolarmente ricercati dai collezionisti, tra cui la moneta da 1 centesimo che, per un errore della zecca di stato, riporta sul dritto la Mole Antonelliana.

In realtà la moneta corretta dovrebbe rappresentare infatti il Castel del Monte In Puglia, non la Mole Antonelliana, simbolo dei 2 centesimi. E anche il diametro è quello della moneta da 2 centesimi, cioè di 18,75 mm.

L’errore fu ripetuto su 7000 monete, in parte ritirate non appena questo fu scoperto. Tuttavia, si ritiene che siano in circolazione almeno 100 monete sfuggite alla requisizione, particolarmente ricercate da appassionati di numismatica e collezionisti.

Il valore della moneta da 1 centesimo di euro sbagliata è di circa 2.500€ – 3000€. Alcuni esemplari all’asta “Bolaffi” hanno superato il valore di 6.000€, anzi, il 23 maggio 2013 il pezzo più costoso è stato aggiudicato a 6.600 euro con una base d’asta di 2.500 euro.

Tra l’altro le monete da 1 e 2 centesimi si avviano verso lo stop, in quanto il loro valore intrinseco, ovvero il valore che ha la moneta di per sé (è rame), supera quello nominale, oltre al fatto che sono sempre più in disuso. Quindi quelle che abbiamo teniamole tutte, potrebbero diventare ricercatissime nei prossimi anni.

E controlliamo a casa, magari abbiamo davvero la moneta che vale una fortuna.

Mai direi mai!

Fonti di riferimento: moneterare.net

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook