@Cappella di San Gennaro/Facebook

Cos’è successo in passato quando il sangue di San Gennaro non si è sciolto?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Era atteso oggi il “miracolo laico” di san Gennaro, ma il sangue del santo non si è sciolto, provocando un’ondata di stupore e angoscia tra i religiosi e i pochi fedeli presenti alla cerimonia. Anche al termine della celebrazione, quando l’abate della Cappella di San Gennaro ha aperto la cassaforte con le reliquie del patrono di Napoli, il sangue nell’ampolla è apparso del tutto solido.

Adesso la teca resterà in esposizione per tutta la giornata, nella speranza che possa ripetersi il miracolo della liquefazione del sangue. Se non dovesse succedere, sarebbe il secondo anno consecutivo in cui non si ripete il miracolo di dicembre, il cosiddetto “miracolo laico” in quanto non viene gestito dalla Chiesa, ma dalla Deputazione di San Gennaro presieduta dal sindaco di Napoli.

Il 16 dicembre è l’ultima delle tre date (le altre due sono il 19 settembre e il l sabato che precede la prima domenica di maggio) nelle quali tradizionalmente il miracolo di San Gennaro si ripete nel corso dell’anno. Il giorno è stato scelto per ricordare lo scampato pericolo della città di Napoli dalla terribile eruzione del Vesuvio nel 1631.

In quell’occasione i cittadini si rivolsero a San Gennaro, portando in processione le ampolle del sangue del patrono al ponte dei Granili, oggi ponte della Maddalena. Secondo i racconti dell’epoca, il sangue si sciolse e la lava arrestò la sua corsa, risparmiando così Napoli.

Gli eventi avvenuti quando il miracolo non si è ripetuto 

Secondo la credenza popolare napoletana, il mancato miracolo di san Gennaro è considerato presagio di eventi negativi. Se si guarda al passato, il sangue del santo non si è sciolto nel 1939 e 1940, anni dello scoppio del secondo conflitto mondiale e dell’entrata in guerra dell’Italia. Più di recente, il miracolo non è avvenuto nel settembre del 1973, periodo in cui si è diffusa l’epidemia del colera a Napoli e poi nel 1980, anno del violento terremoto in Irpinia. I devoti, quindi, sperano vivamente che il miracolo di San Gennaro si ripeta per scongiurare eventi catastrofici. 

Fonte: Cappella di San Gennaro 

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook