@DovForman/Twitter

Sopravvissuta ad Auschwitz ritrova 75 anni dopo chi l’ha aiutata grazie a una banconota

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

All’inizio di una nuova vita, buona fortuna e felicità”: tanto è bastato a Lily Elbert, una donna di origini ungheresi sopravvissuta ad Auschwitz, a riaccendere un indelebile ricordo. Nell’aprile del 1945 un uomo le salvò la vita dai campi di concentramento e le consegnò una banconota tedesca con su scritto proprio quel messaggio.

Ora, dopo 75 anni, quella banconota è rispuntata mentre Lily rispolverava i suoi cassetti con il suo pronipote Dov Forman, di 16 anni.

Scritto da uno dei numerosi soldati statunitensi che hanno contribuito a liberare da una marcia della morte la signora Ebert, oggi 90enne e cittadina inglese, insieme alle sue due sorelle, quel messaggio doveva essere ricondotto necessariamente a chi l’aveva lasciato.

È stata questa la scommessa del giovane Dov che, con l’aiuto dei social, in quattro e quattr’otto ha trovato il “prode salvatore”.

Ho pensato fosse semplicemente fantastico e che l’avrei condiviso con il mondo – racconta Forman a Sky News. Ho scherzato con la mia bisnonna che avrei potuto trovare il soldato in 24 ore. E così è stato. Con l’aiuto di Twitter, siamo riusciti a farlo”, ha detto Dov.

Il messaggio di Dov è stata ritwittato dall’Auschwitz Museum e finalmente il soldato misterioso ha un nome: Hayman Shulman, morto però sette anni fa.

Non avevamo un pezzo di carta, non avevamo nulla, non puoi saperlo, non puoi spiegarlo, soprattutto oggi – dice Lily Elbert. Le persone non riescono a capire che eravamo esseri umani senza nulla: tutto ciò che avevamo era il nostro corpo”.

Come milioni di altri deportati, anche Lily in quegli anni aveva perso tutto e tutti: la madre, la sorella, il fratello, zii e zie. Ora, potrà incontrare almeno in una video chiamata la famiglia e figli del suo soldato eroe per raccontare loro come quel suo piccolo gesto le cambiò la vita.

donna auschwitz

@DovForman/Twitter

Quest’uomo era stato davvero il primo tocco umano che avevo ricevuto e questo significa davvero molto”, conclude Lily.

Fonte: Sky News

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook