Mattel lancia la Barbie per rendere omaggio al tradizionale Día de los Muertos messicano

Barbie Día de Muertos

Barbie diventa messicana! Continua l’impresa di Mattel di dare non solo un volto alle donne che hanno fatto la storia, ma anche di toccare temi delicati come il cancro o di ripercorrere le tradizioni di diversi Paesi. Ha deciso, così di rendere omaggio al Messico presentando una Barbie ispirata alla tradizionale festa nazionale del Día de Muertos, i giorni dei Morti.

Disponibile dal 12 settembre nei negozi e online, la Barbie che si ispira “al Messico, alla sua festa , ai suoi simboli e alla sua gente” sarà vestita come la famosa Catrina, una figura creata nel 1912 dal vignettista José Guadalupe Posada e oggi riconosciuta in tutto il mondo come icona della celebrazione di questo giorno.

Il suo vestito è lungo, ricamato e decorato con fronzoli con fiori e farfalle. Il tocco finale è completato da una corona con le iconiche farfalle monarca e il fiore di cempasuchil per onorare, con stile, i simboli e le offerte di questa emblematica tradizione messicana”, ha spiegato l’azienda, ricordando che la festa del giorno dei morti, che si tiene ai primi di novembre, è stata nominata patrimonio culturale immateriale dell’umanità dell’Unesco.

Barbie Día de MuertosBarbie Día de Muertos

Mattel, quindi, rimarca il suo amore per il Messico. Già nel marzo dello scorso anno, lanciò un’edizione della sua classica Barbie ispirata a due importanti donne messicane: l’artista Frida Kahlo (1907-1954)e la golfista Lorena Ochoa.

Barbie Día de Muertos

Ora, cerca di ispirare donne e ragazze attraverso la sua linea “Sheroes“, creata nel 2015 in omaggio a figure femminili che sono un esempio da seguire perché hanno generato cambiamenti sociali e si sono distinte nelle loro aree o professioni, rompendo confini e ispirando le prossime generazioni.

Leggi anche:

Germana Carillo

Ecotyre

Da Gomma a Gomma: lo pneumatico verde tutto italiano realizzato con materiali riciclati

Coop

Dopo uva, meloni e ciliegie, anche le clementine dicono addio al glifosato

tuvali
seguici su Facebook