In Brasile, le coppie si sposano con cerimonie drive-in all’epoca del COVID-19

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dimenticate ogni romanticismo, all’epoca del coronavirus i matrimoni durano circa cinque minuti, con le coppie che leggono i loro voti, si scambiano gli anelli e lo sigillano con un bacio (attraverso la mascherina).

Il tutto seduti sui sedili posteriori di un auto. Sono i “nuovi” matrimoni drive-thru, un po’ come quando ordini un panino al fast food senza scendere dalla vettura. In questo caso, però, vai via sposato.

Potrebbe sembrare strano, ma le persone hanno iniziato a richiedere questo servizio sempre più spesso in Brasile.

A Santa Cruz, un quartiere alla periferia occidentale di Rio de Janeiro, un notaio locale è arrivato a celebrare in questo modo l’unione di oltre 15 coppie al giorno.

I futuri sposi scelgono la cerimonia drive-thru per diversi motivi. Nella maggior parte dei casi, avevano fissato una data, ma la loro cerimonia “canonica! è stata cancellata dalla pandemia. Preferiscono così andare avanti con il matrimonio, invece di indugiare ancora, incerti su quando una cerimonia tradizionale potrebbe essere possibile.

Altri vogliono un rapido accesso al piano di assicurazione sanitaria del loro partner, una merce calda nel bel mezzo di una pandemia.

Certo, la cerimonia è breve e coincisa. Ma la fila per sposarsi a bordo dell’auto continua ad aumentare.

E “guidarano” tutti felici e contenti…

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook