Mărţişor, la bellissima festa dell’Est Europa che celebra l’arrivo della primavera e porta fortuna

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il primo marzo in Romania e in altri paesi dell’Est Europa si celebra la festa del Mărţişor, che letteralmente significa il “piccolo marzo“. Una festa tradizionale che accoglie l’arrivo della bella stagione con rituali del folklore locale, che in questo meraviglioso paese è particolarmente vivo, soprattutto in alcune zone.

La tradizione degli amuleti porta fortuna

martisor amuleto

©Adriana Iacob/Shutterstock

Il Mărţişor è un amuleto realizzato con del filo rosso e bianco di cotone o seta, intrecciato in un cordoncino a cui si lega un ciondolo portafortuna, come uno scudo in oro o argento, una conchiglia, fili d’erba, fiori o cuori di legno.

Un tempo gli amuleti venivano legati al polso dei bambini, regalati alle ragazze o scambiati tra di loro per augurarsi buona fortuna, e qualcuno li metteva anche al bestiame. Si dice che il rosso e il bianco del cordoncino, originariamente realizzato dalle anziane, simboleggiassero le due stagioni principali, vale a dire l’inverno e l’estate. Secondo altre interpretazioni il rosso del cordoncino rappresenta il sole, la vita, la passione, la donna, e il bianco le nuvole, l’acqua, l’uomo e il bucaneve, fiore chiamato così perché “buca la neve” decretando la fine della stagione invernale. I due colori intrecciati formano simbolicamente un’unità congiungendo due forze opposte che determinano il nuovo ciclo della vita.

Tradizionalmente l’amuleto andava regalato all’alba del 1° marzo e indossato da 9 a 12 giorni, poi doveva essere appeso a un ramo fiorito sperando che i fiori sbocciassero tutto l’anno. Oppure portato sui capelli e poi lanciato in aria nella speranza che la fortuna fosse grande e alata. In altre località veniva indossato fino al primo maggio, festa dell’estate.

In Transilvania, il Mărţişor di lana veniva invece appeso alle porte, alle finestre, ai secchi, alle corna degli animali, perché si riteneva scacciasse gli spiriti maligni invocando la vita attraverso il rosso, colore tipico del folklore che fra le altre cose, simboleggia proprio la vita.

Oggigiorno il Mărţişor viene realizzato in modi diversi rispetto alla tradizione, quasi qualunque oggetto può essere infatti appeso al tradizionale filo rosso e bianco per portare fortuna. E sono molti gli artigiani e gli artisti che, in vista della festa, preparano amuleti da esporre e vendere sulle bancarelle. Chi li acquista deve poi regalarli alle persone care, che devono indossarli all’altezza del cuore. A volte vengono accompagnati da un piccolo mazzo di fiori.

Leggende sul Mărţişor: il Sole e il Drago

Una delle tante leggende sul Mărţişor è quella del Sole e del Drago che racconta che un giovane coraggioso partì per liberare il sole dal drago che l’aveva catturato.

Ci vollero ben 3 stagioni per raggiungere il drago e quando arrivò al suo cospetto, lottò con tutte le sue forze per liberare il sole.

Durante la battaglia, sulla neve fresca colò del sangue e da allora il rosso e il bianco si intrecciano proprio per combattere l’inverno e i suoi mali, annunciando il ritorno della primavera.

FONTI: Cultura Romena

Ti potrebbe interessare anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook