“Voglio vedere il mare per l’ultima volta” e gli infermieri fermano l’ambulanza

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un gesto apparentemente piccolo, ma stracolmo di significato. Fa il giro del web la foto di una malata terminale che ha chiesto di vedere l’ultima volta il mare. Il mare, in questo caso, si associa a un temporaneo inestimabile sollievo e a quella comprensione del dolore altrui che troppo spesso sfugge di mano.

Siamo in Australia, sulle acque di Hervey Bay, una città costiera nel Queensland. Qui il servizio di ambulanza ha pubblicato una foto di un paramedico, Graeme Cooper, in piedi accanto a una donna in cure palliative su una barella in riva alla spiaggia.

Helen Donaldson, ufficiale di Hervey Bay in carica, ha detto che il desiderio della donna era proprio quello di visitare la spiaggia e di vedere per l’ultima volta il mare. Da qui a un gesto di umanità estrema il passo è stato breve.

Sono in pace, va tutto bene“, ha detto poche ore dopo la donna, felice perché dei paramedici le avevano semplicemente concesso di osservare l’oceano un’ultima volta.

malata infermiere

La paziente ha espresso il desiderio di poter essere di nuovo in spiaggia”, e così l’ambulanza ha fatto una piccola deviazione verso la spiaggia di Hervey Bay per esaudire le sue volontà.

Immediata la reazione degli internauti: molti hanno espresso solidarietà e fiducia, molti altri hanno raccontato le proprie esperienze personali.

Leggi anche:

Empatia: come ascoltare davvero gli altri, soprattutto i bambini

Empatia: cos’è, tipologie e perché si prova (o no)

10 straordinarie caratteristiche delle persone altamente sensibili

Il gesto dei paramedici un po’ fa ricredere nel prossimo e trasmette un messaggio importante: il proprio tempo va dedicato a chi sta più vicino. Non ci sono scuse.

La vita è fatta di piccole felicità insignificanti, simili a minuscoli fiori. Non è fatta solo di grandi cose, come lo studio, l’amore, i matrimoni, i funerali. Ogni giorno succedono piccole cose, tante da non riuscire a tenerle a mente né a contarle, e tra di esse si nascondono granelli di una felicità appena percepibile, che l’anima respira e grazie alla quale vive.
Banana Yoshimoto

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook