Malala: l’attivista pakistana riceve la cittadinanza canadese

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un altro riconoscimento per Malala Yousafzai, la diciannovenne attivista pakistana, già premio Nobel per la Pace ha ricevuto la cittadinanza onoraria canadese.

In occasione della sua visita ufficiale al Parlamento di Ottawa, il Primo Ministro Justin Trudeau, le ha consegnato l’importante riconoscimento.

Malala, oltre ad essere già tra i dieci premi Nobel più giovani del mondo, è adesso anche la persona più giovane ad aver ricevuto la cittadinanza onoraria grazie al suo impegno per i diritti delle donne.

LEGGI anche: I 10 PREMI NOBEL PIÙ GIOVANI DELLA STORIA

Prima di lei avevano ottenuto la cittadinanza onoraria canadese Nelson Mandela, Aung San Suu Kyi, il Dalai Lama, l’Imam dei musulmani Ismailiti Nizariti Aga Khan e il diplomatico svedese Raoul Wallenberg.

Trodeau ha ringraziato Malala per le sue battaglie a favore dell’educazione femminile, ma anche per il suo impegno nei confronti dei rifugiati, indicandola come “probabilmente la più coraggiosa cittadina canadese”.

malala yousaf1

LEGGI anche: MALALA E KAILASH: DUE NOBEL PER LA PACE PALADINI DEI DIRITTI DEI BAMBINI

“La sua storia è quella di una ragazza normale che fa cose straordinarie: un’eroina che quotidianamente difende senza paura le bambine e le ragazze che in diverse parti del mondo non possono andare a scuola. È una persona incredibilmente umile”, ha commentato Trudeau.

“Chi uccide nel nome dell’islam non è un musulmano”, ha detto durante il suo discorso Malala, già famosa per un’altra frase, pronunciata ad appena 15 anni: “Senza istruzione non ci sarà mai la pace”.

Nel 2012, l’attivista era rimasta gravemente ferita durante un attacco dei Talebani. Un colpo alla testa, mentre stava tornando a casa da scuola a Mingora, nella valle di Swat. Tre anni prima, aveva scritto un testo raccontando ciò che succedeva nelle scuole femminili per mano appunto dei talebani.

LEGGI anche: MALALA DONA 50 MILA DOLLARI RICEVUTI IN PREMIO PER RICOSTRUIRE 65 SCUOLE DI GAZA

Il suo impegno non si è mai fermato, nel 2014 aveva ricevuto il Premio Nobel per la pace grazie al suo impegno per i diritti civili e il diritto all’istruzione delle ragazze nei paesi musulmani.

LEGGI anche: LO SPLENDIDO DISCORSO DI MALALA YOUSAF, LA RAGAZZA CHE A SOLI 17 ANNI VINCE IL NOBEL PER LA PACE

Il riconoscimento a Malala era già stato annunciato anni fa e la cerimonia si sarebbe dovuta svolgere il 22 ottobre del 2014, poi cancellata in seguito all’attentato al Parlamento di Ottawa, nel quale morì uno dei soldati di guardia.

Dominella Trunfio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook