La maestra argentina che va di casa in casa per lasciare i compiti ai suoi studenti che non hanno internet

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Percorre ogni settimana una decina di chilometri per lasciare fuori alle case dei suoi studenti i compiti da svolgere. Ai tempi del coronavirus, non è facile per tutti i ragazzi continuare una “normale” attività didattica. Per le ormai famose “lezioni a distanza” servono strumenti che in molte parti del mondo non sono così accessibili come si pensa. A partire da internet.

Proprio per questo, per non dimenticare i suoi alunni, María Caballero, un’insegnante del Centro educativo rurale 303 “Antonio Arenales” di Maciel, nella provincia di Santa Fe, in Argentina, ha deciso di rimanere vicino ai suoi ragazzi in modo davvero originale.

La maestra prepara degli appunti settimanali con attività facili in modo che i suoi studenti possano lavorare dalle loro case con i mezzi che hanno a disposizione. E li lascia senza farsi vedere.

In tempi di chiusura delle scuole a causa della pandemia di coronavirus, è vero: gli insegnanti stanno facendo grossi sforzi affinché i loro studenti non perdano un intero anno scolastico. Ma se già la comunicazione è difficile nelle città perché non tutte le famiglie hanno accesso a internet o ai computer con stampanti, questa limitazione aumenta nelle aree rurali più lontane dai centri urbani.

maestra argentina 1

©Inspector Tv/Facebook

Questa è proprio la condizione della maggior parte degli studenti che frequentano il Centro educativo rurale 303 dove insegna la Caballero ed è per questo che lei ha avuto quest’idea:

“Appendo un sacco in cui lascio le attività da fare. Quando finiscono in settimana mi lasciano i quaderni nel cancello e li correggo, è l’unico modo – spiega. Facciamo del nostro meglio per aiutare i nostri studenti, ci sono persone che hanno abbastanza da mangiare e non possono acquistare un pacchetto internet”.

Ma lungi dallessere scoraggiata, María promette di continuare così fin quando sarà necessario: prepara i compiti, li impacchetta e viaggia. La settimana successiva, torna per prenderli e correggerli. Brava maestra María!

Fonte: Informas noticias

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook