Twitter/Matt Zeller/USA Today

Il gesto disperato delle madri afghane che lanciano i figli ai militari dilania il cuore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lanciare i propri figli ai militari oltre un muro o un filo spinato, affidarli nelle mani di uno sconosciuto con speranza di salvarli. Accade a Kabul, dove le madri terrorizzate sono disposte a gesti estremi e strazianti pur di assicurare un futuro ai propri figli.

“Le madri erano disperate, venivano picchiate dai talebani. Hanno gridato “salva il mio bambino” e hanno lanciato i bambini contro di noi. Alcuni dei bambini sono caduti sul filo spinato. È stato terribile quello che è successo. Alla fine non c’era un uomo tra noi che non piangeva”, il commento di un uffiale reggimento paracadutisti.

Le immagini che arrivano dall’Afganistan tolgono il fiato e dilaniano. Perché queste madri coraggiose e disperate, forse non rivedranno più i loro figli, forse non sapranno più nulla di loro e, forse, il loro gesto potrebbe risultare vano.

Perché se il desiderio delle madri è di salvare a ogni costo i propri figli, le sorti di questi bambini sono in realtà incerte. Poche ore fa, il governo inglese ha infatti fatto sapere che la Gran Bretagna non sarà in grado di trasportare i bambini non accompagnati fuori dall’Afghanistan e anche l’esercito americano sembra non essere disposto a far volare fuori dal Paese gli afghani che cercano di fuggire. Ma una madre non può arrendersi e, in preda alla disperazione, è disposta a rischiare nella speranza di salvare i propri figli.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti di riferimento: Indipendent/Reuters/USA Today

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook