@the_retro_toy_man e @lasereserena/instagram

La leggenda della Campanella di San Michele, il portafortuna di Capri che esaudisce i desideri

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Esaudisce desideri a ogni rintocco, è la Campanella di San Michele. Famoso portafortuna di Capri destinato alle persone speciali, che trae origine dalla leggenda di un povero pastorello e della sua inseparabile pecorella. Che inizia così…

Un giorno, intento a raccogliere dei fiori, il pastorello tardò più del solito e voltandosi si accorse che la pecora era scomparsa. Scoppiò in lacrime disperato finché non gli sembrò di udire un tintinnio lontano. Forse era la sua pecorella, pensò. Quindi si spinse in quella direzione correndo a piedi nudi tra rovi e sassi. Ma ormai si era fatta notte e non vedendo nulla, si ritrovò improvvisamente sull’orlo di un burrone. Una luce accecante comparve all’improvviso e miracolosamente lo fermò prima che fosse troppo tardi.

Davanti ai suoi occhi increduli ecco apparire San Michele. Il Santo portava al collo una campanella, se la sfilò e gli disse: – Bimbo mio, prendi questa e segui sempre il suo suono, ti salverà da ogni pericolo -. Il pastorello era felicissimo e in breve tempo ritrovò la sua pecorella. Raggiunse casa e donò la campanella a sua madre. Da allora nulla fu più come prima. E ogni desiderio divenne realtà. 

Queste campanelle sono state realizzate dai monaci dell’Isola di Capri, in Italia, durante il 1944 e il 1945. I piloti e i membri dell’equipaggio delle forze aeree le indossavano sui risvolti delle uniformi di volo o come tiralampo. Si pensava che portassero loro fortuna.

L’Isola di Capri ne donò una anche al Presidente Roosevelt, ancora conservata presso il Franklin D. Roosevelt Presidential Library and Museum di New York.

La campanella è così divenuta un souvenir tipico di Capri, dov’è facile imbattersi in botteghe e boutique che ne vendono numerosi esemplari realizzati con molteplici materiali. La si trova sotto forma di ciondolo per collane e bracciali, orecchini e anelli, e in molte altre forme. Se ne trovano molte in vendita anche sui siti specializzati di antiquariato bellico.

E ogni volta che le si fa suonare, San Michele esaudisce un desiderio. 

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

FONTE: storienapoli

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook