La Croazia sta per legalizzare la cannabis a scopo ricreativo: si potrà detenere e coltivare fino a 9 piante

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Entro una settimana, il Parlamento croato discuterà una proposta di legge per la legalizzazione della cannabis in tutto il Paese.

A dare la notizia è Mirela Holy, ex Ministro dell’Ambiente, in un’intervista a RTL Direct durante la quale ha spiegato che il nuovo disegno di legge prevede la piena legalizzazione e liberalizzazione della canapa, per sfruttare appieno tutto il suo potenziale economico, in ambito medico e ricreativo.

“La canapa ha un grande potenziale economico e, data la sua capacità di fertilizzare il suolo e di CO2 fino a quattro volte superiore, è anche importante nella lotta ai cambiamenti climatici.
I benefici economici sono enormi, per quanto riguarda lo sviluppo della scienza, cosmetici, produzione di carta”, ha dichiarato Holy.

“Secondo le stime, in Canada e negli Stati Uniti, i guadagni annuali sono circa 43,7 miliardi di dollari e non è stato sfruttato tutto il potenziale della canapa: può essere utilizzato per costruire compositi spaziali, automobili, nel settore delle costruzioni”, continua Holy.

Holy ha spiegato che il nuovo disegno di legge proporrà “un modello ibrido di agenzia statale per mantenere alta qualità nel mercato. Quando si tratta dell’uso della cannabis per scopi ricreativi, ogni adulto potrà crescere fino a nove piante femminili in piena fioritura con un alto contenuto di THC per le proprie esigenze

L’esperienza di altri paesi che hanno legalizzato la cannabis dimostra che esiste ancora un mercato nero e sarà dunque necessaria una regolamentazione statale per ridurre al minimo il commercio irregolare.

Negli ultimi anni l’HDZ, il partito di maggioranza croato, ha ammorbidito la sua visione rigida sulla sulla marijuana, ma in molti si domandano se la Croazia non sia ancora una società troppo conservatrice per questa nuova proposta. In merito a questi dubbi, Holy ha risposto che:

“Quando ho iniziato a parlarne qualche anno fa, le reazioni sono state terribili, ma le cose sono cambiate.
Le persone hanno bisogno di essere educate e quindi cambiare il loro atteggiamento.
Il potenziale di dipendenza della cannabis è inferiore al potenziale di dipendenza della nicotina o dell’alcool e, per quanto ne sappia, nessuna persona è morta a causa di un overdose di cannabis naturale, eppure esistono grandi pregiudizi, motivati dagli interessi di determinati gruppi e industrie”.

Fonti di riferimento: RTL

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook