Niente botti, ma anche niente lanterne cinesi: l’appello della Protezione Civile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le lanterne cinesi sono apparentemente innocue ma in realtà rappresentano una minaccia per l’ambiente e per gli animali selvatici terrestri e marini. Oltre ad aumentare pericolosamente il rischio di incendi.

La notte di San Silvestro è ormai alle porte e in questi giorni aumentano gli appelli per sensibilizzare sulla pericolosità dei botti di Capodanno.

Petardi e fuochi d’artificio possono ferire gravemente chi li spara, spaventano animali domestici, fauna selvatica e bambini e, in più,  inquinano l’ambiente.

I più attenti cercano dunque alternative meno rischiose e più sostenibili per festeggiare l’ultimo giorno dell’anno e in molti ricorrono alle lanterne cinesi o lanterne volanti.

Si tratta di piccole mongolfiere realizzate con una struttura di metallo e ricoperte di carta, che riescono a librarsi in aria grazie alla presenza di una fiamma.

Bellissime da vedere, silenziose e all’apparenza innocue, le lanterne cinesi sono considerate una valida alternativa ai botti di Capodanno, ma sono invece da evitare quanto petardi, fuochi d’artificio e altri articoli pirotecnici.

La Protezione Civile di Saltrio e Clivio ha definito le lanterne cinesi una “porcheria” e ha messo in guardia sui pericoli legati al loro uso.
Quando il rischio di incendi è elevato, lanciare lanterne volanti è vietato in tutto il territorio lombardo, come spiega la Protezione Civile, ma anche nei periodi in cui il livello d’allerta non è massimo, le lanterne cinesi sono un “marchingegno infernale”.

Le lanterne volanti, infatti, una volta tornate a terra possono causare danni importanti all’ambiente e agli animali a cominciare dagli incendi provocati dalla fiamma, se ancora accesa.

La struttura di metallo o bambù può ferire o uccidere gli animali selvatici terresti e acquatici che la ingeriscono o ne rimangono impigliati. Inoltre, ciò che resta della lanterna rappresenta una fonte di inquinamento.

Molto meglio ammirare le stelle per chi ama l’ambiente e chi lo abita, senza ricorrere a botti e lanterne volanti.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook