La bizzarra usanza scozzese di sputare nel cuore di Midlothian ad Edimbugo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sputare in strada non è certo un comportamento da gente educata e civile, ma sul Royal Mile di Edimburgo è un vero rituale. Qui, un mosaico a forma di cuore incastonato tra i ciottoli del viale, a ovest di St. Giles Kirk, noto come Heart of Midlothian, è il destinatario degli sputi, proprio così, della gente che passa. Ma da dove nasce questa usanza?

Ebbene, il cuore di Midlothian sul celebre miglio di Edimburgo che collega il palazzo reale di Holyrood al Castello della città, è in realtà il punto esatto in cui – sotto – sorgeva un tempo la famigerata prigione di Old Tolbooth.

Era in pratica questo un luogo tetro e orribile in cui, tra il XV e il XIX secolo, venivano puniti i cattivi, avvenivano impiccagioni pubbliche e la gente di Edimburgo si radunava. Dopo che l’edificio fu distrutto nel 1817, il granito a forma di cuore fu lasciato a memoria di quegli atti terribili.

Ecco perché, probabilmente, oggi ancora si suole dare luogo a questo bizzarro rituale.

Un po’ di storia

Fino a qualche decennio fa, il Midlothian era la regione in cui si trovava Edimburgo, che rappresentava il centro amministrativo del cosiddetto Edinburghshire o County of Edinburgh. Il mosaico a forma di cuore e la placca di bronzo incastonata nel pavimento furono posti lì ad indicare la posizione di quello che inizialmente fu il fulcro amministrativo, il Tolbooth, costruito intorno al 1561 come dogana per i mercanti.

Divenuto nel corso degli il municipio della città, poi camera di consiglio e tribunale, nel XVII il Tolbooth fu trasformato in una terribile prigione e in luogo di esecuzioni pubbliche. Si narra che proprio nel punto in cui si trova il mosaico a forma di cuore, vi fossero a quei tempi delle forche destinate all’impiccagione dei condannati a morte, le cui teste venivano poi mostrate sul lato nord del Parliament Square.

Motivo per cui si è presa l’abitudine di sputarci su? Ci sono varie scuole di pensiero. In molti credono che la tradizione degli sputi derivi dalle persone che esprimono il loro odio per le azioni malvagie associate a un posto così brutale; molti altri pensano che allora siano stati i criminali in stato di libertà che, in segno di disprezzo per la prigione e di solidarietà con chi era dentro, erano soliti replicare il gesto, sputando sulla porta del Tolbooth. Altri ancora, invece, credono siano stati i supporter dell’ Hibernian F.C., la squadra di calcio rivale della Heart of Midlothian F.C., a mostrare con gli sputi il loro disprezzo per il simbolo di riconoscimento della squadra, proprio un mosaico a forma di cuore.

Quel che è certo è che, nel corso del tempo, gli scozzesi hanno iniziato a interpretare questa azione come un vero e proprio gesto di buona fortuna e scaramanzia.

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook