L’Italia è tra i Paesi che vendono più armi nel mondo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le bombe italiane viaggiano in tutto mondo e l’export non conosce crisi: l’Italia si colloca, così, tra i ‘big ten’ della vendita di armi internazionali.

Lo Stockholm international peace research institute (Sipri) ha raccolto i dati, confermando che il fenomeno è consolidato: nel quadrienno 2013/2017 l’export di armi verso i Paesi esteri è cresciuto del 13%, piazzando l’Italia alla nona posizione tra i Paesi esportatori con una fetta di mercato globale pari al 2,5%. Appena lo 0,4% in meno rispetto a Israele.

La ricerca non riesce a ricostruire esattamente dove ogni Paese esporti le armi prodotte, ma esistono indicatori importanti. L’Arabia Saudita, impegnata nel conflitto in Yemen contro le milizie sciite, viene sicuramente rifornita da bombe made in Italy. Le armi dei ‘big ten’ finiscono copiosamente anche in Egitto, Emirati Arabi e Cina. Nella graduatoria c’è pure l’Iraq, destinatario del 3,4% di armi esportate dai Paesi più sviluppati.

export armi

“I diffusi e violenti conflitti in Medio Oriente hanno creato un dibattito politico in Europa occidentale e in Nord America sulla limitazione delle vendite di armi per le preoccupazioni sui diritti umani – spiega Pieter Wezeman, ricercatore senior di Sipri-. “Eppure gli Stati Uniti e gli Stati europei rimangono i principali esportatori di armi nella regione e hanno fornito oltre il 98% delle armi importate dall’Arabia Saudita”.

Un ragionamento condiviso dall’ambasciatore Jan Eliasson, presidente del consiglio di amministrazione del Sipri:

“L’aumento del flusso di armi suscita preoccupazioni sulla pace e la sicurezza internazionali. Questo evidenzia la necessità di migliorare i meccanismi internazionali come il trattato sul commercio di armi”.

Un dato incoraggiante c’è: le importazioni di armi da parte degli Stati africani sono diminuite del 22% nel 2013-17 rispetto al 2008-12.

Certo è che se si smettesse di fabbricarle, nessuno le potrebbe acquistare.

Leggi anche: In Uruguay Pc o biciclette in cambio di armi

Roberta Ragni

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook