@ bizoon/123rf.com

Il Parlamento in Islanda non è più a maggioranza rosa: il sogno è durato solo poche ore

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Islanda la maggioranza femminile in Parlamento è durata solo poche ore, ma il risultato raggiunto è comunque importante

Anche noi avevamo riportato la notizia: l’Islanda, dopo le elezioni, era divenuto il primo Paese al mondo a raggiungere la maggioranza di quote rosa in Parlamento. Purtroppo però la bella notizia è durata solo poche ore: dopo il rimontaggio dei voti e dei seggi, la quota di deputati donna è scesa dal 52% al 47,6%, con 30 donne elette al Parlamento.

Benché non sia la maggioranza, si tratta comunque di un record: nessun Paese in Europa ha mai avuto una presenza femminile in Parlamento superiore al 50% degli eletti, e il Paese che finora era arrivato più vicino alla parità di genere in politica è la Svezia, con il 47%.

Certo, ricordiamo, l’Islanda è nota per le molte norme sulla parità di genere e sull’uguaglianza fra uomini e donne: identici sono i periodi di assenza da lavoro per mamme e papà dopo la nascita di un figlio, identici sono i salari percepiti da uomini e donne a parità di posizione occupata; inoltre,  è stato il primo al mondo ad eleggere un presidente donna nel 1980, Vigds Finnbogadottir. Anche l’attuale presidente  è donna, Katrin Jakobsdottir. Ma non è il primo paese al mondo a raggiungere la maggioranza di quote rosa in Parlamento.

I Paesi con il “vero” record

Nel resto del mondo, invece, cinque sono i paesi che attualmente hanno un Parlamento a maggioranza femminile: Ruanda (record assoluto, con ben 61,3% di seggi rosa), Cuba (53,4%), Nicaragua (50,6%), Messico ed Emirati Arabi Uniti (entrambi con il 50% dei parlamentari donne).

E l’Italia? Nel nostro Paese, invece, la situazione politica è ancora lontana dal raggiungimento della parità di genere: la percentuale di donne elette alla Camera dei Deputati è del 36,06%, in Senato del 35,11%.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: ANSA

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Sono laureata in Lingue e Culture Straniere. Da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile, tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook