Gli indigeni isolati delle Isole Andamane potrebbero sparire per sempre, il coronavirus li ha decimati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Popolazioni indigene isolate ancora a rischio a causa del coronavirus. Le vittime accertate finora sono 5 all’interno di una delle più antiche tribù, quella dei Grandi Andamanesi, nelle Isole Andamane. Tuttavia le cifre sono ancora provvisorie. Quello che si sa per certo è che ci sono 10 positivi, alcuni dei quali ricoverati in ospedale.

Paura per gli indigeni di tutto il mondo, da quelli americani a quelli indiani. Tali tribù, che hanno scarsissimi contatti col mondo esterno, rischiano di essere decimate di perdere le loro guide tradizionali visto che molti anziani non sempre riescono a superare l’infezione da coronavirus. Il Covid-19 ha già colpito le tribù di Brasile e Perù, tra cui alcune tribù isolate in Amazzonia come gli Arara del territorio di Cachoeira Seca.

Sta accadendo anche sulle Isole Andamane, in India, dove finora, secondo Survival International, sono stati circa 3.000 i casi confermati e 37 morti, su una popolazione di circa 400.000 persone. Alcuni di essi sono gli indigeni della tribù dei Grandi Andamanesi. Secondo le ultime indicazioni, almeno 10 persone della grande tribù delle Andamane sono risultate positive al COVID-19 e sono state ricoverate in ospedale, secondo Anvita Abbi, linguista e scienziata sociale di New Delhi che è in contatto con la comunità:

“Si sta diffondendo come il fuoco”, ha detto Abbi a NBC News. “Quello che ho capito da loro è che nessuno di loro aveva sintomi veramente gravi. In effetti, sembrano tutti asintomatici. “

Questo piccolo gruppo formato da appena 50 persone rischia di sparire. Eppure, prima della colonizzazione britannica a metà del 1800, erano 5.000. Ad aprile, Licho, l’ultima persona in grado di parlare la lingua sare dei Grandi Andamanesi, è morta dopo aver sofferto per anni di diversi problemi di salute, tra cui la tubercolosi cronica.

“Rappresentano una delle civiltà più antiche”, ha detto Abbi.

Gli antenati dei Grandi Andamanesi viaggiarono dall’Africa per stabilirsi al largo della costa indiana circa 70.000 anni fa.

A rischio anche altre tribù delle Isole Andamane

Anche altre tribù che vivono nelle Isole Andamane, tra cui gli Jarawa e i Sentinelesi incontattati, sono gravemente in pericolo. I sentinelesi sono la tribù più incontaminata del mondo. Essi infatti non hanno mai avuto contatti col mondo esterno.

“Gli Jarawa sono una tribù nomade di cacciatori-raccoglitori che ha avuto contatti pacifici con i coloni che abitano vicino al loro territorio solo a partire dal 1998. A causa dell’isolamento, del fatto di essere entrati in contatto relativamente di recente e dell’impatto di due epidemie di morbillo, se dovessero contrarre il virus sarebbero particolarmente a rischio. I Sentinelesi incontattati, la tribù più isolata al mondo, sono estremamente vulnerabili alle malattie portate dall’esterno ma, durante una pandemia globale, il rischio di un’infezione devastante è ancora più grande. Se le acque intorno alla loro isola non saranno pattugliate in modo appropriato, rischiano di entrare in contatto con i bracconieri che pescano illegalmente e cercano aragoste nell’area” spiega Survival.

Ma all’inizio del mese di agosto è emersa la notizia che cinque membri del personale assistenziale che lavora con gli Jarawa era positivo al Covid-19, e i bracconieri continuano a invadere il territorio della tribù, rischiando di introdurvi il virus. La scorsa settimana, 8 pescatori sono stati arrestati dopo essere entrati illegalmente nel territorio.

Nonostante le autorità delle Andamane stiano cercando di proteggere la tribù limitando gli spostamenti lungo la stradache attraversa il loro territorio, gli Jarawa continuano a essere a rischio a causa del personale del welfare, che non è stato adeguatamente messo in quarantena, e dei bracconieri che entrano nella loro foresta per rubare gli animali da cui la tribù dipende per sopravvivere.

“Il fatto che alcuni Grandi Andamanesi siano positivi al Covid-19 è estremamente preoccupante. Sono fin troppo consapevoli dell’impatto devastante delle epidemie, che hanno decimato il loro popolo. Le autorità delle Andamane devono agire con urgenza per impedire che il virus infetti altri Grandi Andamanesi e raggiunga altre tribù. Le acque intorno a North Sentinel devono essere pattugliate adeguatamente e nessun esterno dovrebbe entrare nei territori delle tribù delle Andamane senza il loro consenso” ha detto Sophie Grig, Ricercatrice Senior di Survival International.

Fonti di riferimento: Survival International, NBC

Gli indigeni brasiliani Kayapo hanno bloccato l’autostrada per chiedere protezione contro il coronavirus

Vittoria storica per gli indigeni Waorani in Ecuador: il governo dovrà aiutarli a contrastare il coronavirus

I cercatori d’oro hanno ucciso due indigeni Yanomami (e stanno portando anche il coronavirus)

“Stiamo morendo soli, mancano medici e cibo”: il coronavirus sta cancellando i popoli indigeni dell’America latina dalla faccia della terra

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook