H&M riceve una maxi multa di 35 milioni per aver spiato i dipendenti in Germania

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Germania H&M è stata multata della cifra record di 35 milioni di euro per aver spiato in maniera illegale i dipendenti.

Secondo le autorità tedesche, l’azienda svedese è stata multata perché colta in “violazione della protezione dei dati dei dipendenti”. In pratica H&M, e nello specifico un centro servizi dell’azienda nella città bavarese di Norimberga, ha violato la privacy di un centinaio di dipendenti raccogliendo, almeno dal 2014, ampie registrazioni della loro vita privata in cui emergevano problemi famigliari, credo religioso e diagnosi di salute.

Tutti dati sensibili che sarebbero poi stati messi a disposizione dei manager aziendali. Come sono state fatte le registrazioni? I membri del personale venivano invitati ad un “colloquio di bentornato” dopo periodi di congedo per malattia o ferie, dopodiché le informazioni venivano appunto registrate e salvate digitalmente in modo che “fino a 50 altri dirigenti in tutta l’azienda” potessero essere informati dei dettagli.

Per tutto questo il commissario di Amburgo per la protezione dei dati e la libertà di informazione, Johannes Caspar, ha deciso di sanzionare H&M con una multa di ben 35,3 milioni di euro.

Si tratta della più alta sanzione pecuniaria per tali violazioni stabilita in Germania da quando è entrata in vigore la legislazione dell’Unione europea del 2018 – Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR) – e la seconda più alta del suo genere in tutto il continente dopo che i regolatori francesi hanno multato Google per 50 milioni di euro l’anno scorso per una violazione del GDPR.

H&M ha ora due settimane di tempo per contestare la sanzione dell’autorità di Amburgo.

La replica dell’azienda

In una dichiarazione, il negozio di abbigliamento svedese ha dichiarato:

“L’incidente ha rivelato pratiche per il trattamento dei dati personali dei dipendenti che non erano in linea con le linee guida e le istruzioni di H&M”.

L’azienda ha anche aggiunto che:

“si assume la piena responsabilità e desidera scusarsi senza riserve con i dipendenti del centro servizi di Norimberga”.

I lavoratori che sono stati lì per almeno un mese da maggio 2018 riceveranno una compensazione finanziaria, ha concluso l’azienda, senza rivelare altro.

Questo è solo l’ultimo degli scandali che hanno vista protagonista l’azienda svedese, accusata più volte di sfruttare i lavoratori.

Fonte: Dpa / Reuters 

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook