@Dailymotion

‘Hermann’, l’emozionante cortometraggio sulla storia del nonnino con Alzheimer che ha suonato l’armonica per i suoi vicini 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La storia di Hermann, l’anziano affetto da Alzheimer che ha allietato i vicini di casa suonando la sua armonica durante il lockdown ha emozionato la Spagna tanto da ispirare un cortometraggio d’animazione dal titolo “Hermann”. Il corto nasce come omaggio a chi ha vissuto in prima linea il dramma della pandemia. Alla fine del toccante filmato, realizzato senza fini di lucro dallo studio cinematografico 23lunes e diretto da Jordi García, si legge infatti: “dedicato a tutti gli eroi di marzo 2020”. 

Hermann Schreiber è un 80enne di origine tedesca che ha trascorso la sua vita accanto alla moglie Teresa, ma adesso i due non riescono più a comunicare a causa della malattia. Durante il lockdown, però, si è ritrovato confinato nella sua abitazione a Vigo, sulla costa nord-occidentale della Spagna. L’uomo, ormai 80enne, ha perso la memoria, ma non ha dimenticato come si suona l’armonica.

Durante il mese di marzo, la sua infermiera Tamara lo ha incoraggiato a suonare, facendogli credere che gli applausi provenienti dalle case dei vicini alle 20.00 fossero tutti per lui, mentre in realtà si trattava di un flashmob. Ma quando la sua storia ha iniziato a fare il giro del web diventando popolare, le persone hanno cominciato ad affacciarsi per ascoltare quella melodia e per assistere al “concerto”. Così, la sera è diventata il momento della giornata preferito da Hermann, che si affacciava alla finestra con la sua armonica sempre più felice e soddisfatto del calore ricevuto dal suo “pubblico”.

Il cortometraggio ripercorre la vita di Hermann e la sua passione per la musica, con la differenza che il protagonista del video suona il violino al posto dell’armonica: nella scena iniziale si vede l’uomo, ancora giovane, che si prepara per un’esibizione col violino nel suo camerino insieme alla sua assistente (omaggio all’infermiera Tamara) che lo avvisa che il pubblico lo sta aspettando. Dopo la performance sul palco di un teatro, lo scenario cambia e si vede Hermann, ormai anziano, che si diletta con il suo violino affacciato al balcone, allietando i vicini di casa.

La realizzazione del cortometraggio, che porta il nome dell’anziano, ha coinvolto 16 persone che hanno lavorato ininterrottamente per oltre 2 mesi dalle loro abitazioni. Come spiegato dal regista, il filmato è un omaggio agli operatori sanitari, medici e tutte quelle persone che si sono presi cura degli altri durante l’emergenza coronavirus.

“Siamo stati tutti confinati senza avere il tempo di metabolizzarlo. In una delle serate in cui ero a caccia di notizie e informazioni, mi sono imbattuto nel video di Tamara. − racconta Jordi García, che ha diretto il corto d’animazione − Mi ha colpito molto, infatti sono andato a dormire pensando a ciò che Hermann immaginava quando si affacciava per suonare, quale sensazione provava. Così, la mattina mi sono alzato e ho scritto la sceneggiatura. E il giorno successivo ci siamo messi al lavoro in 16. È stata una nostra scommessa e la verità è che non abbiamo mai avuto un team più motivato e produttivo”.

Fonte: ABC/Youtube

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook