Guerrilla Gardening: ecco GreenAid, il distributore di “bombe-seme”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Chi di noi, da piccolo, non amava i distributori di chewing-gum o di palline? La moneta da inserire, la maniglia da ruotare e l’attesa, il respiro trattenuto, di scoprire quale colore ci era toccato? Bene, questa piccola gioia infantile è tornata, almeno negli Stati Uniti, anche per gli adulti amanti del verde. Perché al posto di gomme da masticare o sorpresine, ad essere “pescati” con il GreenAid sono bombe-semeper una vera e propria guerrilla gardening fai-da-te.

Sono state installate, infatti, per le vie di Los Angeles dai designer Daniel Phillips e Kim Karlsrud di The COMMONStudio, delle macchinette distributrici di palline formate da argilla, compost e semi vari che, debitamente gettate nei piccoli o grandi terreni urbani privi di vegetazione, faranno comparire splendidi fiori colorati o abbondanti ciuffi d’erba.

Il divertimento, poiché questa guerrilla urbana soft promette passeggiate rilassanti alla ricerca delle aree adatte e incursioni a posteriori alla scoperta dei risultati, costa solo 25 centesimi di dollaro per la dispensazione di due “bombe”. La modalità è semplice: una volta estratte le seed-bombs dalla macchinetta, andate a fare quattro passi per la città e aguzzate la vista alla ricerca di spazi sterrati in cui lanciare la vostra pallina e il gioco è fatto. Se proprio siete in vena di giardinaggio potete sempre gettarvi un po’ d’acqua, altrimenti la “bomba” (e la natura) faranno da sole.

Avete per caso difficoltà a passeggiare quotidianamente per L.A.? Niente paura. Il progetto, che è partito da qui, si sta rapidamente diffondendo nel resto degli Stati Uniti e dal loro sito Daniel e Kim cercano nuovi acquirenti per diffondere anche negli altri continenti il loro progetto di urban green guerrilla.

Oltre a Greenaid, The COMMONStudio ha progettato anche dei rivestimenti stradali innovativi da porre ai lati delle carreggiate in cui ingegnose scanalature, che contengono sementi, permettono il raccoglimento dell’acqua e l’automatica innaffiatura delle piante.

Ilaria Brambilla

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook