Grazie a Christina Fonfé oltre 6500 donne nello Sri Lanka ora sanno nuotare (e potranno salvarsi)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nuotare può salvare la vita eppure non ovunque è un diritto saperlo fare. Così l’insegnante di nuoto inglese Christina Fonfè ha deciso di spendere la sua vita per far nuotare le ragazze e le donne dello Sri Lanka. Oggi sono oltre 6500 a poter dire “io posso farcela”.

Era il 26 dicembre 2004 e da questa parte del mondo si era nel pieno delle festività natalizie. Ma il sud-est asiatico è stato letteralmente sommerso da un violento tsunami. Innescato da un maremoto di magnitudo 9.3, ha provocato 227.898 vittime. E tra di loro, l’80% erano donne e bambini. Perché non sapevano nuotare.

Per cultura nelle zone colpite dal disastro le donne difficilmente si immergono in acqua oltre il ginocchio, anche perché mettersi in costume in pubblico non è socialmente accettato. Ma, come dice Christina Fonfè, nuotare non è un lusso, è un diritto. E può salvare la vita.

L’insegnante di nuoto ha quindi fondato lo Sri Lanka Women’s Swimming Project, rivolto soprattutto alle donne, per superare tabù culturali e dare loro una speranza per il futuro. Partendo dal presupposto che se una madre sa nuotare, lo sapranno fare anche i suoi figli.

Christina ha pensato subito che il nuoto dovesse essere insegnato affrontando la causa dell’annegamento, introducendo l’apprendimento del nuoto a partire dalle tecniche di galleggiamento e respirazione.

Con questo cambio di paradigma, la donna è stata sostenuta, anche da un rapporto scientifico presentato da Robert Stallman, professore di scienze motorie, e così nel 2018 il progetto è diventato membro effettivo dell’International Federation of Swimming Teachers’ Association (IFSTA).

I risultati

Oltre 6.500 donne e ragazze dello Sri Lanka hanno imparato a nuotare. Hanno purtroppo dovuto chiedere il permesso a padri o mariti, ma quando hanno imparato davvero, hanno preso coscienza di sé. E quindi non hanno solo imparato a nuotare, ma si sono emancipate in un contesto di forte discriminazione di genere.

Christina ha presto scoperto che le ragazze adolescenti sono le più veloci nell’apprendere e diventano le insegnanti più disponibili, ma sono le donne anziane che imparano a nuotare più tardi nella vita a diventare le leader locali e le motivatrici, convincendo le altre a seguire il loro esempio.

“L’insegnamento si svolge in completa privacy e in un ambiente formativo tutto al femminile – si specifica sulla pagina del progetto – È interessante notare che, appena le donne sanno nuotare, vogliono essere viste; da un lato esercitando il loro nuovo status e dall’altro pubblicizzando la felicità ai non nuotatori ora invidiosi”.

Una fiamma che non vuole spegnersi

©icanswimcanyou

L’elevata autostima, fiducia, successo e felicità hanno dato a queste donne una nuova visione della vita. Il progetto ha avuto un enorme successo, con insegnanti di nuoto donne apparse anche nel Bangladesh rurale e a Zanzibar. In futuro il progetto mira a espandersi come membro IFSTA e di partecipare alla Conferenza mondiale sulla prevenzione dell’annegamento 2021 della International Life Saving Federation a Colombo, nello Sri Lanka.

Le donne ora indipendenti in acqua hanno anche ottenuto l’indipendenza economica con l’istruzione superiore e sono entrate in professioni come infermieristica, giurisprudenza, carriere legate agli sport acquatici all’estero e insegnamento di nuoto locale.

Cambiare il mondo a volte è più “semplice” di quanto pensiamo.

Fonti di riferimento: Sri Lanka Women’s Swimming Projecticanswimcanyou.com

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook