Come risparmiare ed avere un funerale green

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La morte di un familiare è un evento terribile ma purtroppo inevitabile. Il dolore è intenso, devastante e facilmente superabile. Ma bisogna comunque dare degna sepoltura al defunto, anche se lo spirito imporrebbe un silenzio rigoroso e la mente un’alienazione temporanea dal mondo che la circonda.

L’avvento dei funerali green

Il tipico funerale italiano possiede alcuni tratti distintivi: una bara costosa, molti fiori e una serie di componenti aggiuntivi. Ma è davvero necessario tutto questo? Se non lo è, esistono i funerali green. Le risorse richieste sono davvero poche: meno cura del corpo, saltare alcuni passaggi tradizionali e costi dei funerali più contenuti per la famiglie. Tutto a favore dell’ambiente, naturalmente.

L’interesse verso i funerali green è cresciuta negli ultimi anni. Nei Paesi più evoluti, Italia compresa, quasi il 54% delle famiglie che hanno subito una dolorosa perdita hanno preso in considerazione la possibilità di una cerimonia funebre per ridurre, nel loro piccolo, l’impronta di carbonio.

Ma per sepoltura green cosa s’intende? Ridurre al minino gli effetti negativi sull’ambiente rinunciando agli aspetti tipici di un funerale e optando per alternative come la cremazione, con relativa urna in materiale riciclabile, alla custodia della stessa in casa oppure allo spargimento delle ceneri in mare, lago o fiume. Per chi, invece, non vuole rinunciare alla bara, sono disponibili casse funebri lavorate senza prodotti chimici. Secondo un recente studio, il costo medio di un funerale in Italia è intorno ai 6.000 euro. Utilizzando altre opzioni, come quelle esposte sopra, il costo potrebbe diminuire, con l’ambiente che ne gioverebbe.

Naturalmente, la pianificazione della morte è un argomento molto personale e spiacevole e le ragioni per scegliere un tipo di sepoltura piuttosto che un altro varia da persona a persona. Scegliere una sepoltura green significherebbe, per alcuni, abbattere i costi di un funerale, mentre per altri subentrerebbe l’aspetto prettamente ecologico.

Poi c’è la cremazione, che sta prendendo piede in un Paese tradizionale come il nostro. Chi non la considera come opzione ecologica sbaglia. Certo, i materiali utilizzati per bruciare il corpo del defunto sono principalmente in legno. Ma le pompe funebri green hanno messo in atto modalità per compensare il colpo all’ambiente, come aiutare le organizzazioni che si occupano del rimboschimento.

Per quanto riguarda i resti, ci sono due opzioni: tenerli in un’urna custodita in casa e prodotta con materiali ecologici oppure disperderli nell’ambiente. In molte culture, il mare è l’ambiente dove vengono spesso disperse, ma anche fiumi e laghi vengono utilizzati.

Se la cremazione non è un’opzione praticabile, ci sono ancora altri modi per ridurre al minimo l’impatto ambientale durante la sepoltura, come sostituire le barre prodotte con materiali tossici con quelle realizzate con legno raccolto in modo sostenibile e fodere organiche, verificando sempre se i prodotti o i componenti sono stati trasportati su lunghe distanze, il che può aumentare l’impronta di carbonio. Inoltre, un sudario fatto di cotone organico e biodegradabile può essere acquistato online o anche presso il negozio di tessuti locale, naturalmente nel caso in cui la casa funeraria non lo mette a disposizione.

Come trovare un’agenzia funebre green e low cost

Per chi deve affrontare la tristezza di una sepoltura, i giorni disponibili sono pochissimi e se si volesse scegliere l’opzione di un funerale green, trovare una casa funeraria che contempli il rispetto dell’ambiente potrebbe apparire molto complicato. Ecco allora arrivare in soccorso un servizio online innovativo e particolare: lastello.

Ma di cosa si occupa esattamente questo servizio? Così come fanno altre piattaforme, come quelle assicurative o di vendita di prodotti elettronici, mette a disposizioni varie opzioni per scegliere l’agenzia di pompe funebri in zona mediante la comparazione dei preventivi. Nella pagina iniziale, in altro a sinistra, è presente il link “Accedi / Registra Agenzia”. Cliccandoci sopra, si apre una finestra pop-up dedicata soltanto alle agenzie di pompe funebri che sono già registrate al servizio oppure che hanno intenzione di farlo. Invece, cliccando sul cerchio ed i tre trattini all’interno che si trova sulla destra, si aprono alcune opzioni.

Entrando in “Chi siamo”, vengono esposte brevemente storia e motivazioni che hanno spinto questi giovani 30enni a creare un servizio incentrato su zero sprechi, il fattore umano, l’accoglienza, il supporto e il rispetto delle persone. Invece, in “Onoranze funebri” sono presenti le principali città d’Italia e il numero di agenzie che hanno aderito al servizio. Ma, per chi non è residente in una di queste città, scendendo in basso si possono verificare, Regione per Regione, le Provincie di appartenenza e il relativo comune di residenza per cercare la presenza di un’agenzia di pompe funebri appartenente al circuito lastello.

Successivamente, in “Iscrivi agenzia” è presente la sezione appositamente dedicata ai proprietari di pompe funebri che vogliono iscriversi al servizio. Scendendo più in basso, oltre alle motivazioni per le quali conviene entrare nel circuito lastello, ci sono i costi d’abbonamento. In realtà sono soltanto due, considerando che è possibile iscriversi al servizio gratuitamente, anche se i servizi offerti sono abbastanza limitati.

Comunque, è apprezzabile vedere come i ragazzi che gestiscono il sito guardino oltre certe mere regole di mercato, puntando maggiormente alla qualità piuttosto che al guadagno. In “Diventa partner” vengono elencati i due abbonamenti mensili disponibili e i servizi offerti che, a ben vedere, varrebbe la pena di assicurarsi poiché mettono a disposizione preventivi illimitati, supporto telefonico, visibilità in un raggio di 100 o 20 km, ecc.

Per quanto riguarda il lato prettamente del cliente, ossia di colui che sta cercando un funerale green a basso costo e rispettoso dell’ambiente, nella Home Page ci sono due link su cui cliccare:

  • Preventivo funerale. Si apre un pop-up dove ci sono tre opzioni da scegliere: classico, cremazione con urna e inumazione (sepoltura in terra). Una volta fatta la scelta, inserire il CAP della città di residenza e premere continua. Se si opta per un funerale classico, le scelte da fare sono diverse: cassa base, standard o di lusso (con annessi prezzi), la tipologia di carro funebre e di fiori e altri servizi aggiuntivi.
  • Supporto psicologico. Un servizio veramente utile e che ha il sapore di “umanità”. Un lutto è un evento psicologicamente nefasto ed avere un supporto potrebbe essere fondamentale per superare il dolore grazie alla guida di uno psicologo. All’interno della pagina, basta cliccare su “Trova una psicologo” ed apparirà una lista di coloro che sono specializzati in lutto.

Concludendo, si può dire una sola cosa: la grandiosità del servizio messo a disposizione da lastello. Anche se un evento come un lutto viene sempre messo ai margini dall’essere umano, è un qualcosa di inevitabile. Quando poi capita in modo imprevisto, diventa ancora più inaffrontabile. Ecco perché con lastello è più facile trovare un’agenzia di pompe funebri in zona, soprattutto per chi vuole costi minori e rispetto per l’ambiente.

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook