Più vacanze per tutti: la proposta di legge per ripristinare le festività “perdute”

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Senato il nuovo disegno di legge che vorrebbe riportare in vita le festività soppresse negli anni, da San Giuseppe alla Pentecoste ed estendere il Patrono di Roma a tutta Italia.

5 giorni di feste in più, da San Giuseppe al Corpus Domini, passando per l’Ascensione, la Pentecoste e per finire con San Pietro e Paolo, patroni di Roma. È questa la proposta avanzata da tre senatori del partito popolare Südtiroler Volkspartei, Dieter Steger, Julia Unterberger e Meinhanrd Durnwalde.

I tre senatori hanno presentato una proposta di legge per riportare in vita le festività soppresse 40 anni fa dalla legge n. 54 del 1977. Non è la prima volta, se ne parla già da tempo. Anche nel 2013 venne fatta una simile proposta caduta poi nel vuoto.

Secondo i tre senatori, ripristinare le 5 festività soppresse sarebbe un

“ un omaggio alle persone credenti che possono così celebrare nuovamente le ricorrenze religiose, e un giusto riconoscimento dei valori cristiani. È però anche un omaggio per i non credenti che possono dedicare le giornate alle attività di tempo libero. Queste ricorrenze sono state festeggiate in Italia fino al 1977, anno in cui per legge i giorni della loro celebrazione – insieme a quelli di altre festività – hanno cessato di essere festivi”.

È certo che cinque giorni di vacanza in più all’anno farebbero piacere a tutti, religiosi e non. In base a quanto previsto dal disegno di legge, le festività da reintrodurre sono:

  • il 19 marzo, San Giuseppe e festa del papà.
  • l’Ascensione, 40 giorni dopo Pasqua (quest’anno il 10 maggio)
  • la Pentecoste, il primo lunedì 50 giorni dopo Pasqua (domenica 20 maggio)
  • il Corpus Domini, 60 giorni dopo Pasqua (domenica 3 giugno).

In aggiunta a queste, il disegno di legge vorrebbe esternere anche la festa dei santi patroni di Roma Pietro e Paolo a tutto il territorio nazionale, il 29 giugno.

Ad eccezione del 29 giugno, i giorni indicati nella proposta dei tre membri del partito popolare sudtirolese erano tutti festa nazionale fino al 1977, quando vennero cancellati per legge insieme all’Epifania, poi ripristinata.

In questo caso, secondo i senatori, festeggiare i Santi Pietro e Paolo solo a Roma come patroni, “come si fa attualmente, sembra un po’ riduttivo”.

Non sappiamo ancora se il disegno di legge andrà avanti, ma sotto sotto lo speriamo tutti.

Per il testo integrale del disegno di legge clicca qui

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook