Vicino ad Amsterdam la spettacolare fabbrica di cioccolato in stile “Willy Wonka”, con montagne russe e fiumi di cacao

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una fabbrica di cioccolato attraversata da montagne russe e altre meraviglie. Per il momento è solo un progetto, che però potrebbe diventare presto realtà grazie ad una società di architettura che, nei Paesi Bassi, ha già condiviso un assaggio di come intende realizzare la nuova sede della Tony’s Chocoloney.

Una fabbrica di cioccolato già di per sé è un luogo meraviglioso, pensate poi se nella struttura fossero incorporate anche delle montagne russe e una serie di altre favolose attrazioni. É  questa l’originale idea della ditta di architetti SeARCH che ha reso noto il suo progetto, ideato per la società dolciaria Tony’s Chocoloney, il più grande produttore olandese di cioccolata.

La nota azienda intende aprire una fabbrica un po’ insolita a Zaanstad, piccola cittadina a nord-ovest di Amsterdam. La nuova sede si ispira infatti all’amatissimo romanzo per bambini di Roald Dahl, “Charlie and the Chocolate Factory”, ambientato proprio in una speciale fabbrica di cioccolato.

Si parla di questo progetto già dal 2018 quando Tony Chocoloney ha promesso che avrebbe costruito un parco a tema fabbrica di cioccolato con tanto di montagne russe ma, solo recentemente, la società di archiettura che se ne sta occupando ha reso noti alcuni dettagli e immagini del suo lavoro. Quello che colpisce subito l’attenzione è un grande ottovolante che attraversa l’edificio principale di color rosso brillante.

Come ha dichiarato in un intervista Kathrin Hanf, architetto di SeARCH:

“La fabbrica si dividerà in tre: il monumentale magazzino De Vrede, il nuovo padiglione rosso con le montagne russe e un nuovo capannone di produzione altrettanto speciale. Non costruiamo questo tipo di fabbriche da cento anni”

La nota ditta di cioccolato olandese ha anche annunciato di voler spostare qui i suoi uffici principali e che, nella nuova sede, ci sarà anche un grande negozio e un ristorante, oltre che un auditorium, un cinema, un giardino tropicale, stanze segrete e un fiume di cioccolato!

La fabbrica offrirà tutte queste meraviglie senza emanare odori fastidiosi o rumori, assicurano gli architetti.

Come si legge sul sito di SeARCH, il progetto deve ancora ottenere tutte le autorizzazioni necessarie alla realizzazione (che ha un costo di circa 100 milioni di euro) ma la Tony’s Chocoloney spera che la sua nuova meravigliosa fabbrica, che avrà la capacità di ospitare fino a 500mila visitatori l’anno, possa essere pronta entro il 2024.

Visitare la fabbrica secondo il volere dell’azienda sarà “un’esperienza completa”: si potrà imparare tutto ciò che riguarda la cioccolata, sperimentare in prima persona la produzione creando una barretta, conoscere i problemi del settore e, ovviamente, divertirsi sulle montagne russe e nelle tante altre attrazioni.

Tony’s Chocoloney, come parte della sua “ricetta per il cacao senza schiavi” (“together we’ll make chocolate 100% slave free” è il motto della ditta) assicura di pagare agli agricoltori un giusto salario e di utilizzare la tecnologia “bean tracker” per garantire che le catene di approvvigionamento siano tracciabili al 100%. Si parlerà ovviamente anche di questo nella nuova fabbrica di cioccolato.

Fonte: SeARCH architecture / architectenweb

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Mediterranea

Siero viso anti-age con buon Inci: la prova prodotto di Olive Mediterranea

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook