Oltre 900 donne e ragazze minorenni sono scomparse in Perù durante il lockdown

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Oltre 900 donne sono sparite in Perù da quando è iniziato il lockdown. L’emergenza coronavirus nel paese ha fatto emergere un dato a dir poco inquietante che coinvolge anche ragazze minorenni. E il governo teme che molte siano ormai morte.

Una tragedia nella tragedia si sta consumando in Perù dove, secondo il Governo, la violenza domestica sta mietendo numerose vittime.

Quanto si temeva sta dunque accadendo. Nel paese, come altrove, il coronavirus ha fatto scattare una serie di misure restrittive come il lockdown. In molti sono rimasti a casa senza lavoro e ciò non ha fatto altro che peggiorare una situazione di per se già spaventosa.

Secondo Eliana Revollar che guida l’ufficio per i diritti delle donne del Difensore civico nazionale,

“durante la quarantena, dal 16 marzo al 30 giugno, 915 donne in Perù sono state segnalate come disperse”.

Per fare un confronto, prima della pandemia ogni giorno sparivano cinque donne in Perù, diventate otto al giorno dall’inizio del lockdown.

Inoltre, il 70% delle donne scomparse è minorenne. Secondo Revollar, la situazione del Perù è stata particolarmente grave perché la mancanza di un registro nazionale delle persone scomparse ha reso difficile per le autorità tenere traccia delle sparizioni. Per questo ha fatto sapere che farà pressioni per la creazione del registro.

Purtroppo però vari gruppi per i diritti delle donne e varie ONG sostengono che molto spesso la polizia rifiuta di indagare sulla violenza domestica o afferma che gli scomparsi abbiano lasciato volontariamente le loro case.

Ma ciò non affronta il fatto che il Perù sia di fronte a un grave problema di violenza domestica e altri atti criminali contro le donne, nonché il traffico di esseri umani e la prostituzione.

donne peru

©Shutterstock/ Ruslana Iurchenko

L’anno scorso 166 donne sono state uccise in Perù e le chiamate per denunciare violenze tra le mura di casa sono state circa 30mila.

Un massacro che si aggiunge a quello legato alla diffusione del coronavirus. Il Perù infatti ha oltre 384.000 contagiati e 18.229 morti. È il terzo paese più colpito dell’America Latina dopo Brasile e Messico.

Purtroppo anche in altri paesi dell’America Latina sta accadendo la stessa cosa, come in Argentina dove poche settimane dopo il lockdown la violenza domestica aveva ucciso più donne del coronavirus.

Fonti di riferimento: AFP via Barrons, SBS

LEGGI anche:

Per tante donne #stareacasa non è sicuro. Il Coronavirus non ferma le violenze domestiche (anzi)

Stuprata e uccisa in casa a soli 13 anni: la violenza sulle donne in Messico non si ferma neanche in quarantena

Con questa app le donne vittime di violenza possono chiedere aiuto “in sicurezza”, usando la chat

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook