Le donne ribelli che il regime franchista rinchiuse in manicomio (senza che fossero pazze)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Donne ribelli che uscivano dagli schemi del regime franchista e per questo rinchiuse in strutture psichiatriche pur non essendo pazze.

Quello che si legge in “El placer de matar a una madre”di Marta López-Luaces, non è una storia inventata, è un non romanzo che racconta quello che successe in Spagna nel 1973 quando centinaia di donne venivano rinchiuse in strutture psichiatriche, ospedali e manicomi, se dimostravano con l’abbigliamento o il carattere di essere fuori dalle norme imposte dal nazionalismo cattolico.

Il libro racconta la storia di Isabel, una donna single, umile, autodidatta e colta che viene ricoverata in un ospedale psichiatrico provinciale dopo aver confessato l’omicidio di sua madre. Ma nessuno pensa che sia stata lei.

“Senza mostrare alcun sentimento, senza minima traccia di colpa o dolore, la donna racconta di aver soffocato sua madre mentre dormiva. Gli ha coperto la bocca e il naso con un cuscino , scrive l’autrice.

Perché l’ha fatto? Il motivo è quello che dà significato al libro, quello che lo trasforma in un thriller, quello che tiene con il fiato sospeso il lettore.

Si scopre così un mondo interiore conflittuale e un paese sotto regime in cui la donna è soffocata dalle convenzioni sociali che la vogliono moglie e madre perfetta, una donna pudica incapace di prendere decisioni. Ma Isabel si sente lontana da questo mondo sia fisicamente che psicologicamente, da un paese misogino ed è per questo che verrà punita. “Solo un medico può aiutarti”. E sarà Ignacio Suarez, un giovane psichiatra che ha studiato in Inghilterra,ad avere in mano le sorti di Isabel.

“Non riuscivo a immaginare fino a che punto i postulati della psichiatria nazista e della psicologia pastorale fossero penetrati nella società e nel sistema sanitario spagnolo. Il decreto in vigore dal 1931 consentiva l’internamento di qualsiasi persona che potesse essere classificata come malata di mente , senza la necessità del permesso della persona o della famiglia. Chiunque poteva finire in un manicomio. Alcuni medici si trasformavano in guardie dell’ordine sociale “, scrive l’autrice.

Isabel finirà in un manicomio pur non essendo pazza e li incontrerà donne omosessuali, donne alcolizzate o ancora single in tarda età. Donne scomode che devono essere allontanata da una società perbenista. Le loro storie vengono raccontate in un altro libro “Las mujeres rebeldes que el franquismo encerró en psiquiátricos” di López Luaces hilvana che passa due anni a documentare ciò che succedeva in questi manicomi.

“Ho scoperto così che chi aveva una disabilità o era omossessuale o ancora ribelle, veniva rinchiusa durante il regime di Franco. Era un modo per cancellare qualsiasi fastidio per la società e imporre un sistema con regole precise”, dice lo scrittore.

Rinchiuse dunque perché diverse, donne ribelli che non volevano piegarsi alle rigide regole del franchismo.

Leggi anche:

Dominella Trunfio

Fonte e foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook