Sfrattata dalle terre ancestrali, questa leader indigena combatte da una favelas di cemento per salvare il suo popolo dal coronavirus

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Costretta a lasciare la sua terra ancestrale dopo il disastro della diga di Brumadinho dell’anno scorso che ha ucciso 270 persone, la donna indigena Ângohó Pataxó hã-hã-hãe sta ora lottando contro il Covid-19 in una favelas alla periferia di Belo Horizonte, lontana dal suo villaggio e immersa nel cemento.

Tribù indigene sempre più in ginocchio per la pandemia di coronavirus.

“Qui nel villaggio ci sono 120 casi e ci sono già tanti morti, se continuiamo a vivere così, più persone della nostra tribù saranno contaminate”, spiega la donna.

Lei e suo marito, il capo Hayõ, sono risultati positivi all’inizio di luglio e si curano usando erbe tradizionali. Un dramma nel dramma perché hanno basse difese immunitarie e non ci sono strutture ospedaliere idonee ad affrontare l’emergenza. Angoho ha febbre, tosse e il fiato corto, appartiene al popolo Pataxó hã-hã-hãe originario di Bahia.

“Abbiamo affrontato una grave crisi idrica a causa della proliferazione di piantagioni di eucalipti e siamo dovuti scappare in cerca di una vita migliore”, dice a AFP nella casa a due stanze nella favelas di Vila Vitória.

A più di mille chilometri di distanza, Ângohó e poco più di 20 famiglie hanno trovato nel 2016 una terra da chiamare propria sulle rive del fiume Paraopeba, nel Minas Gerais. Ma il 25 gennaio 2019, con la rottura della diga mineraria di Vale nella città di Brumadinho, tonnellate di rifiuti tossici hanno contaminato il fiume da cui dipendevano.

leader indigena

@DOUGLAS MAGNO AFP

La tragedia ha ucciso 270 persone e ne ha lasciate molte altre senza risorse, compresi i loro parenti, che all’inizio di quest’anno sono stati costretti a trasferirsi nella periferia di Belo Horizonte.

“Non eravamo in grado di piantare o eseguire rituali, ci stavamo ammalando. Siamo scappati perché non potevamo più stare in quella situazione”, afferma Ângohó. Così, dopo essere stata derubata della propria terra ancestrale, adesso questa donna, il marito e buona parte della comunità, lottano contro il nuovo coronavirus.

Ci sono giorni in cui suo marito non è in grado di alzarsi. Usa rimedi naturali come zenzero, semi di avocado, ciliegia, foglia di tabacco, rosmarino e amburana per curare la febbre e il malessere. Altre cinque persone hanno sintomi e Ângohó non nasconde la sua paura. “La nostra speranza è che il nostro popolo non sia contaminato”, dice trattenendo le lacrime.

Parla lentamente, a causa della mancanza di fiato e la tosse la interrompe ogni minuto. Dice che sopravvive grazie a una rete di volontari della società civile, poiché l’assistenza di Vale “è insufficiente”. “Ma non vogliamo vivere così, attraverso donazioni. Sappiamo come piantare, realizzare i nostri prodotti artigianali, vorremmo solo che ci restituissero la nostra terra e la nostra pace”, chiede.

Fonte: AFP

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook