Malata di cancro, realizza e dona abiti all’uncinetto per i neonati prematuri dell’ospedale durante il suo ricovero

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Per trascorrere e dare un senso ai lunghi giorni in ospedale e alle ore di chemioterapia a cui è sottoposta,  Marlene Scheurich, una  paziente malata di tumore,  ha trovato un dolcissimo hobby che sta commuovendo tutto il personale sanitario: realizza all’uncinetto abiti che dona poi ai bimbi prematurai della terapia intensiva neonatale.

Ribattezzata da tutti Dona Marlene, è ricoverata da mesi all’Ospedale Sant’Antonio di Blumenau, in Brasile e, come raccontano le infermiere, fare l’uncinetto è stata da sempre la cosa che la appassionava di più, tanto che, fin da subito, ha partecipato attivamente ai progetti ospedalieri, come fare polpi per i bimbi prematuri (progetto OCTO) già da prima del suo ricovero.

Ora che è costretta a trascorrere lunghe ore al letto per il trattamento di chemioterapia, ha iniziato a realizzare innumerevoli pezzi: dai maglioncini ai berretti, dai calzini ai guanti, produce questi piccoli abiti con amore, pazienza in attesa della fine della sessione. E la sua passione ha contagiato il personale e anche associazioni che stanno iniziando a fare a gara per fornirle il filato e

Come raccontano direttamente dall’ospedale Sant’Antonio, tutto è cominciato con una fisioterapista, Ellen Santana che, trovò molti gomitoli di filo per uncinetto nella scatola delle donazioni nel suo condominio:

“Stavo andando in ospedale per iniziare il turno, ho visto i rotoli e li ho portati a Dona Marline. È il suo hobby mentre è in ospedale a fare la chemioterapia. Negli ultimi giorni è stata più tranquilla, perché i suoi filati si erano esauriti e quando le ho consegnato i gomitoli era felicissima”

Ben presto però sono finiti anche quei gomitoli e a quel punto, la società EuroRoma, venuta a conoscenza della sua passione per l’uncinetto, le ha donato un kit di fili e riviste con cui Dona Marlene ha potuto continuare a confezionare calzini e altri vestitini da donare ai piccoli pazienti della Joint Accommodation e della terapia intensiva neonatale dell’ospedale.

Una storia tenerissima che scalda il cuore e dimostra ancora una volta il potere terapeutico dei lavori a maglia sia per chi li fa che per chi li riceve.

LEGGI anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Direttore responsabile ed editoriale di greenMe. Ha una laurea in Scienze della comunicazione e un'esperienza pluriennale negli uffici stampa. In greenMe ha trovato il modo di dare sfogo alla sua "natura" più vera.
Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook