©Amber Clay/Pixabay

Cosa può fare ognuno di noi per aiutare coloro che hanno bisogno in Afghanistan

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

È inevitabile guardare con disperazione e frustrazione a quello che accade in Afghanistan. Anche se lontani, ci sono delle piccole cose che possiamo fare per sostenere e aiutare coloro che ne hanno bisogno.

Dopo il brusco cambio di potere, cresce l’incertezza sul futuro dell’Afghanistan. Ora che i talebani hanno preso possesso del paese, il timore più grande è che le donne e le bambine diventino nuovamente invisibili. Dire addio alla scuola, addio al lavoro e addio alla libertà mentre si è nuovamente obbligate ad indossare il burqa sarà la dichiarazione della perdita dei diritti raggiunti in due decenni.

Le nostre donne sono mussulmane, anche loro saranno felici di vivere nel quadro della sharia”, ha detto recentemente Kabul Zabihullah Mujahid, portavoce dei talibani, in una conferenza stampa.

Ma è difficile credere a questo. Prima di perdere il loro dominio sul paese nel 2001, i talebani avevano attuato leggi severe sui diritti delle donne. Le donne erano obbligate a coprirsi il volto e il corpo, non gli era permesso lavorare, le ragazze non potevano andare a scuola, se una donna aveva bisogno di uscire di casa avrebbe potuto farlo solo se accompagnata da un parente maschio, e persino ridere a voce alta era vietato.

Guardiamo con orrore le immagini che arrivano, ascoltiamo le testimonianze e inevitabilmente la loro disperazione ci arriva dritta al cuore. L’impotenza ci assale e ci chiediamo, senza la pretesa di essere dei supereroi, cosa possiamo fare a più di 4800 km di distanza?

Sia i cittadini che i leader mondiali devono riunirsi per contribuire a proteggere i diritti di tutti coloro che stanno affrontando una crisi in Afghanistan. Questi sono alcuni dei modi con cui possiamo dare un piccolo supporto alle comunità vulnerabili nel paese:

Informarsi

Per comprendere quello che sta accadendo in Afghanistan, la sua complessità e gli impatti che avrà sul paese, è importante istruirsi sulla sua storia e rimanere informati su come si evolve la situazione. Non basta leggere una notizia, cercate fonti attendibili, anche con diversi punti di vista.

Sostenere i più vulnerabili

Come riportato dal Washington Post, gli aiuti umanitari e il sostegno sono scarsi. Possiamo supportare chi da anni si batte per difendere i diritti delle persone nel paese asiatico:

Anche cani e gatti vanno messi in salvo, per farlo possiamo sostenere Nowzad

Una firma per l’Afghanistan

Potreste aggiungere il vostro nome in queste petizioni per condividere il loro appello a proteggere la vita e i diritti delle persone più vulnerabili in Afghanistan.

Mostra il tuo supporto sui social media

Non bisogna restare in silenzio, si deve mantenere viva la conversazione in modo che la lotta per i diritti umani in Afghanistan non sia dimenticata. Potreste aggiungere o seguire gli hashtag #Afghanistan e #HelpAfghanistan sui social media. Sebbene siano tempi bui, sostituiamo le parole che contribuiscono all’odio e alla vendetta con espressioni di speranza e pensieri positivi. Il linguaggio può essere trasformato in valori di pace.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Comunicatrice sociale specializzata in giornalismo ambientale e terzo settore, un master in Comunicazione Ambientale e uno in Innovazione Sociale. In greenMe ha trovato il suo habitat ideale.
Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Schär

Schär, alla scoperta di un mondo fatto di cereali e qualità

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook