Coronavirus, l’Oms consiglia di limitare le banconote: ‘meno contanti, usate carte, bancomat e moneta elettronica’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Via le banconote, spazio alle carte, al contactless, alla moneta elettronica. L’OMS cerca nuove soluzioni per contrastare la diffusione globale del coronavirus.

Le banconote e le monete sono da sempre considerate una delle cose più sporche e culla di virus e batteri. In questo periodo più che mai.  Limitarne il più possibile l’uso potrebbe essere d’aiuto per contrastare la diffusione del coronavirus.

Già il mese scorso, le autorità cinesi avevano ordinato di sterilizzare le banconote per paura di diffondere il Covid-19. Era stato inoltre suggerito di lavare le mani dopo aver usato il denaro contante.

Se finora le indicazioni delle autorità sanitarie mondiali passavano per una più capillare igiene, soprattutto delle mani, adesso l’Oms suggerisce di ricorrere quando possibile al contactless.  Un portavoce ha dichiarato a The Telegraph che le carte contactless potrebbero aiutare a “ridurre il rischio di trasmissione” così come lavarsi le mani dopo aver maneggiato denaro.

“Sappiamo che i soldi cambiano spesso di mano e possono raccogliere tutti i tipi di batteri e virus. Consigliamo alle persone di lavarsi le mani dopo aver maneggiato le banconote ed evitare di toccarsi il viso. Quando possibile, sarebbe anche consigliabile utilizzare pagamenti contactless per ridurre il rischio di trasmissione.”

 

I coronavirus resistono fino a 9 giorni 

Un suggerimento tutt’altro che banale anche alla luce di quanto ha scoperto di recente un nuovo studio. Condotta dai ricercatori della University Medicine Greifswald, in Germania, l’analisi ha scoperto che i coronavirus umani possono rimanere infettivi su superfici inanimate fino a 9 giorni a temperatura ambiente. Esaminando 22 studi precedenti su coronavirus simili, tra cui la sindrome respiratoria acuta grave (Sars) e la sindrome respiratoria del Medio Oriente (Mers), gli scienziati hanno scoperto che essi potevano resistere su metallo, vetro o plastica fino a 9 giorni ma venivano resi innocui dalla disinfezione delle superfici con etanolo al 62-71%, perossido di idrogeno allo 0,5% o ipoclorito di sodio allo 0,1% entro 1 minuto.

Non è ancora chiaro se il nuovo coronavirus si comporti come i suoi simili, come hanno rassicurato anche le autorità sanitarie italiane.

“Da quello che sappiamo rispetto alle precedenti malattie infettive respiratorie, Mers e Sars, infatti, il nuovo coronavirus si trasmette molto più velocemente e la via di trasmissione da temere è soprattutto quella respiratoria, non quella da superfici contaminate. È comunque sempre ricordare l’importanza di una corretta igiene delle superfici e delle mani. Anche l’uso di detergenti a base di alcol sono sufficienti a uccidere il virus” ha detto Gianni Rezza, direttore del Dipartimento malattie Infettive dell’Istituto Superiore di Sanità:

Un portavoce della Banca d’Inghilterra ha aggiunto però che come qualsiasi altra superficie con cui un gran numero di persone viene a contatto, le banconote possono trasportare batteri o virus ma il rischio rappresentato dalla loro manipolazione non è maggiore del contatto con qualsiasi altra superficie comune, come i corrimano, le maniglie delle porte e le carte di credito.

Dall’altra parte, essere prudenti non fa male e, se possiamo, scegliamo di usare contanti e monete e, in ogni caso, laviamo sempre e spesso le mani.

Fonti di riferimento: The Telegraph / Brinkwire

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook