Coppa del Mondo 2014: il lato oscuro del Brasile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il Brasile, purtroppo, nasconde un lato oscuro e tagliente che non dobbiamo dimenticare. Ora i riflettori sono puntati sui mondiali di calcio, in altre occasioni l’attenzione è incentrata sul tipico carnevale brasiliano, ma sono davvero in pochi ad occuparsi della situazione delle popolazioni indigene.

Cancellare l’evidenza è molto semplice. Basta promuovere i mondiali di calcio con l’immagine di un nativo sorridente, che accompagna la scritta “Benvenuti alla Coppa di tutto il mondo”, come fanno Fifa e Coca Cola.

Come sappiamo bene, e come ci ricorda Survival International, Coca Cola è coinvolta nel land grabbing, l’accaparramento di terra che porta morte e miseria al popolo indigeno più numeroso del Brasile, i Guaranì. Secondo Survival International, la scelta di un indiano nella pubblicità dei mondiali è quantomeno audace.

Ricordiamo infatti che Coca Cola compra zucchero dal gigante alimentare Bunge, che a propria volta acquista canna da zucchero prodotta nella terra rubata alla tribù dei Guaranì. Il tutto per soddisfare le esigenze di produzione e di vendita di una delle multinazionali più potenti del mondo, sempre impegnata a mascherare i danni causati dai propri prodotti con un’atmosfera di felicità, come vediamo negli onnipresenti spot pubblicitari.

Dietro l’immagine patinata del Brasile promossa in questi giorni si nascondono altri casi di profonda sofferenza, oltre a quello dei Guaranì. Ma il sito della Fifa non fa alcun cenno agli indigeni. La ricchezza del Paese, come spiega Survival International, si basa sullo sfratto delle popolazioni indigene e sul furto delle loro terre, utilizzate per la costruzione degli stadi.

Infine, Governo e proprietari terrieri stanno promuovendo progetti di legge che, se verranno approvati, potrebbero togliere agli indigeni anche le terre e le risorse faticosamente conservate fino ad oggi. È in atto, in cocnlusione, un vero e proprio genocidio dei popoli tribali, una delle emergenze più gravi del nostro tempo, di cui tutti dovrebebro essere a conoscenza.

brasile mondiali indigeni

brasile mondiali guarani

Clicca qui e scrivi una lettera al Governo brasiliano per difendere le popolazioni indigene.

Marta Albè

Fonte foto: survival.it

Leggi anche:

Mondiali Brasile: gli effetti della Coppa del mondo sui bambini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Life Coach, insegnante di Yoga e meditazione. Autrice del libro “La mia casa ecopulita” edito da Gribaudo - Feltrinelli editore.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook