Congiunti fuori regione, famiglie e amori divisi dai confini regionali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dal 4 maggio scorso, come sappiamo, il nostro Paese è entrato nella ormai nota Fase 2. Tra le novità introdotte ormai tre settimane fa, abbiamo apprezzato la possibilità di incontrare i congiunti, cioè parenti e affetti stabili, nella regione di residenza.

Successivamente, sempre all’interno della stessa regione, è stato dato il via libera anche alle visite agli amici ed è stata eliminata l’autocertificazione per giustificare i propri spostamenti.

La vita sta tornando lentamente alla normalità per la maggior parte della popolazione, anche grazie alla riapertura di molte attività, ma ci sono alcuni cittadini per i quali non è così: sono i “Congiunti fuori regione“, cioè tutte quelle persone divise da un confine e che ancora non possono incontrarsi.

Lo spostamento tra regioni è infatti ancora consentito solo per motivi di lavoro, urgenza o necessità e l’autocertificazione non prevede che si possa varcare il confine per rivedere i congiunti.

Non solo amori a distanza ma anche genitori, figli, fratelli, sorelle, nonni, nipoti, fidanzati che spesso vivono a una manciata di chilometri ma a cavallo tra due regioni e che non hanno mai percepito l’esistenza di un confine fino a oggi.

Un gruppo numeroso di cittadini che in alcuni casi ha affrontato il lockdown in completa solitudine e a cui ora telefonate, chat e videochiamate non bastano più.

Per cercare di far sentire la propria voce, i Congiunti fuori regione si sono organizzati in un gruppo Facebook che conta oggi oltre 5000 membri e in una raccolta firme che ha superato le 13mila adesioni.

La loro richiesta è semplice: non essere equiparati a turisti e poter rivedere i propri affetti, con tutte le precauzioni del caso e senza dar luogo ad assembramenti, come da tempo è consentito all’interno della propria regione.

Alcune Regioni, tra cui Emilia Romagna, Veneto, Marche, Piemonte e Toscana, hanno ascoltato le loro richieste aprendo i confini alle Province o ai Comuni confinanti, grazie all’adozione di ordinanze e di accordi bilaterali.

Nella maggior parte dei casi è però ancora impossibile incontrare i propri cari e chi ha affetti oltre i confini dovrà aspettare il 3 giugno, data in cui al momento è previsto lo spostamento interregionale per tutti.

Fonti di riferimento: Congiunti e fidanzati fuori regione/Il Sole 24 ore

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook