In questa azienda i dipendenti che accolgono un cane in famiglia hanno diritto a un congedo parentale retribuito di una settimana

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un congedo retribuito di una settimana ai dipendenti che abbiano deciso di adottare un animale domestico. Un atto dovuto d’amore verso i nostri amici a quattro zampe e un’ampia possibilità per chi volesse accogliere un nuovo pelosetto in casa. È la proposta che arriva dalla prima azienda che in Italia finalmente riconosce l’importanza di un legame unico.

Si tratta della Barkyn, la start-up che offre piani alimentari personalizzati e assistenza veterinaria 24 ore su 24 per i cani e che parte da un dato certo, quello fornito da Eurispes: un italiano su tre considera il proprio animale domestico come un figlio, un vero e proprio componente della propria famiglia.

Come non andare incontro, quindi, a questa particolare sensibilità verso gli animali?

Accogliere un nuovo animale domestico in casa richiede una serie di accorgimenti quotidiani che influenzano il nostro ritmo di vita. Siamo consapevoli che i primi giorni in cui un nuovo membro arriva in famiglia siano intensi, richiedono un livello più alto di attenzione e il fatto di trascorrere anche qualche notte insonne. Con questa iniziativa vogliamo che i nostri dipendenti abbiano un po’ di tempo per adattarsi alla nuova situazione e per godersi il nuovo membro della loro famiglia. La nostra massima è ed è sempre stata: una vita migliore assieme al proprio animale domestico“, afferma André Jordão, CEO e co-fondatore di Barkyn.

Animali domestici e politiche familiari

Mentre qui da noi la pratica di offrire permessi retribuiti per l’adozione o l’acquisto di un cane non è ancora comune, in altri paesi, in particolare anglosassoni, alcune aziende si stanno orientando in questa direzione. Ad esempio, nel Regno Unito, circa il 5% dei lavoratori con un animale domestico ha potuto godere di qualche tipo di congedo, che andava dalla decina di ore fino a diversi giorni lavorativi.

Allo stesso modo, Barkyn garantisce a tutti i suoi dipendenti, incluso chi lavora da remoto, dei permessi per andare dal veterinario o dei giorni di riposo in seguito alla morte di un animale domestico, pratica molto comune in numerose aziende americane. Un elemento di sicuro interesse anche per l’Italia, considerato il fatto che quasi il 60% degli animali domestici vive in casa assieme al resto della famiglia.

Ben fatto ragazzi!

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook