‘Ci deprezzate le case’, i residenti di questa palazzina protestano contro un centro per le donne vittime di violenza

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Lontano da qui, noi non le vogliamo! Hanno tuonato più o meno così i residenti di una palazzina in via Cassia, a Roma Nord, che si sono trovati a dover convivere gomito a gomito con una casa rifugio per donne vittime di soprusi. Sembra assurdo, eppure la presenza di queste donne potrebbe abbassare il valore di quelle case.

È almeno questa la giustificazione che avrebbero avanzato gli abitanti della palazzina, timorosi che – magari – una casa rifugio deprezzerebbe i loro immobili, ma anche che i loro figli potrebbero avere a che fare prima o poi con quelli delle donne ospitate. Un brutto, pessimo affare di pregiudizi a go go.

Ma pare che non ci sia nulla di nuovo sotto il sole e che, anzi, sia una prassi quando centri di accoglienza vengono aperti in determinate zone.

“Quando vengono aperte case rifugio in zone in cui ci sono case di pregio succede anche questo – racconta a la Repubblica la presidente dell’associazione Telefono Rosa, Maria Gabriella Cernieri Moscatelli. Per i condòmini, le donne sono considerate una scocciatura. Per chi pensa agli affari, la causa di un possibile deprezzamento del bene. È una questione culturale e di mentalità, pensano che non facciano parte del loro mondo. Sentire offendere persone che già in passato sono state trattate male, è un dispiacere enorme e ai Parioli, poi, è un continuo”.

Ora la questione riguarda la zona di via Cassia dove un sopralluogo della presidente Moscatelli in uno dei tre immobili sottratti alle mafie, destinato a supportare progetti sociali e che dovrebbe ospitare alcuni posti letto, ha generato la rabbia dei condomini, che non hanno perso tempo a bersagliare le povere donne già vittime di violenza.

Quanto è strano il genere umano, capace di non accettare nemmeno chi di ingiustizie ne subisce già fin troppe e di mortificare ancora e ancora, senza alcuna ragione e con estrema cattiveria.

Fonte: la Repubblica di Roma

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook