Carro armato sbaglia mira e centra un allevamento di galline (uccidendole)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Era nel pieno di un’esercitazione, quando un carro armato ha sbagliato mira e ha centrato un allevamento di galline. Siamo a Vivaro, nella provincia di Pordenone, e purtroppo non c’è stato scampo per parecchi animali: numerose, infatti, le galline morte nello scoppio e nel crollo di una parte del manufatto che le ospitava. La Procura ha aperto un’inchiesta.

Impegnato in un’esercitazione di tiro in un poligono sul torrente Cellina, il carro armato dell’Esercito ha causato l’incidente nella notte, ma i titolari dell’azienda agricola si sono accorti degli ingenti danni provocati dal colpo soltanto stamattina, entrando nel capannone. Ora i carri armati impegnati nell’esercitazione, ne sarebbero almeno quattro, sono sotto sequestro. 

L’incidente si è verificato nel corso di un’esercitazione notturna della Brigata Pozzuolo del Friuli, in cui erano impegnati insime il Genova Cavalleria e i Lagunari di Venezia. I militari non si sarebbero accorti immediatamente dell’errore perché il colpo non ha innescato alcun incendio. Le indagini dovranno chiarire perché il “Blindo centauro” ha sparato in direzione del centro abitato, visto che l’area riservata ai tiri si trova in direzione opposta.

Le indagini della Procura di Pordenone dovranno chiarire perché il carro abbia ha sparato in direzione del centro abitato, visto che l’area riservata ai tiri si trova in direzione opposta.

Fonte: ANSA

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
eBay

Bricolage: le migliori soluzioni per organizzare al meglio i tuoi attrezzi da lavoro

eBay

I migliori accessori da avere se usi il monopattino elettrico

eBay

Come scegliere la migliore piscina fuori terra per giardino o terrazzo

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook