@Richard Patterson/Twitter

Panico carburante negli Usa, i cittadini fanno (folli) scorte di benzina con i sacchetti di plastica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Qualche giorno fa la Commissione per la sicurezza dei prodotti di consumo degli Stati Uniti ha dovuto lanciare un comunicato abbastanza bizzarro in cui si chiede agli americani di non riempire i sacchetti di plastica con la benzina.

In seguito al recente attacco hacker al Colonial Pipeline, l’oleodotto che rifornisce l’East Coast del 45% del suo carburante, la carenza di gas e benzina negli Stati Uniti si fa sentire ed è peggiorata a tal punto che i consumatori hanno iniziato ad utilizzare un sistema abbastanza insolito per assicurarsi il pieno: riempire grossi sacchi di plastica.

Una modalità di rifornimento su cui è dovuta prontamente intervenire la US Consumer Product Safety Commission che in un tweet ha scritto “Non riempite i sacchetti di plastica con la benzina“.

E subito dopo “Utilizzate solo contenitori approvati per il carburante“.

Questa settimana la carenza di carburante è peggiorata in particolare negli Stati Uniti sudorientali e in alcune città le stazioni di benzina hanno esaurito le scorte.  La crisi dell’offerta, aggravata dagli acquisti di consumatori presi dal panico, ha portato lunghe code e prezzi elevati ai distributori.

Sono iniziate poi a circolare immagini di persone che riempivano sacchetti di plastica e altri contenitori improvvisati con il carburante, alcune poi sono risultate essere del 2019 ma il risultato non cambia, ci sono consumatori ancora convinti che utilizzare buste di plastica sia un modo fattibile per assicurarsi il rifornimento di carburante.

Da qui l’esigenza di fermare questa pratica pericolosa. Ad avvertire dei rischi è la stessa Commissione statunitense che lancia un appello ai consumatori: “Se conosci qualcuno che sta pensando di portare un contenitore non destinato al carburante per ottenere gas, informalo che è pericoloso“.

E purtroppo degli incidenti si sono effettivamente verificati. Un hummer ha preso fuoco subito dopo che l’autista aveva riempito numerosi contenitori di benzina in una stazione di servizio di Homosassa, in Florida.

È davvero il caso di rischiare la vita per un pieno?

Fonte: US Consumer Product Safety Commission/ Reuters / Fox 13 news

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, consumi e benessere olistico. Laureata in lettere moderne, ha conseguito un Master in editoria
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook